LEGGE 27 dicembre 1977, n. 984

Coordinamento degli interventi pubblici nei settori della zootecnia, della produzione ortoflorofrutticola, della forestazione, dell'irrigazione, delle grandi colture mediterranee, della vitivinicoltura e della utilizzazione e valorizzazione dei terreni collinari e montani.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 13/11/1986)
Testo in vigore dal: 22-12-1983
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 17.

  Per il finanziamento degli interventi pubblici nei settori di cui
  all'articolo  1  della  presente  legge, e' autorizzata la spesa di
    lire: 670 miliardi per l'esercizio 1978;
    1.100 miliardi per ciascuno degli esercizi dal 1979 al 1982.
  E'   inoltre   stanziata  per  gli  interventi  nei  settori  della
irrigazione  e  della  forestazione la somma di lire 380 miliardi per
ciascuno degli esercizi dal 1983 al 1987.
  Per  l'esercizio  1978  la  somma  di  lire  670  miliardi e' cosi'
ripartita:
    lire 190 miliardi per il settore zootecnico;
    lire 110 miliardi per il settore ortoflorofrutticolo;
    lire 50 miliardi per il settore della forestazione;
    lire 200 miliardi per il settore dell'irrigazione;
    lire 70 miliardi per la utilizzazione dei terreni di collina e di
montagna;
    lire   30  miliardi  per  le  colture  arboree  mediterranee  con
particolare riguardo alla olivicoltura;
    lire 20 miliardi per il settore vitivinicolo.
  Per  gli  esercizi  dal  1979  al 1982 la somma annua di lire 1.100
miliardi e' cosi' ripartita:
    lire 220 miliardi per il settore zootecnico;
    lire 180 miliardi per il settore ortoflorofrutticolo;
    lire 90 miliardi per il settore della forestazione;
    lire 320 miliardi per il settore dell'irrigazione;
    lire 210 miliardi per l'utilizzazione dei terreni di collina e di
montagna;
    lire   40  miliardi  per  le  colture  arboree  mediterranee  con
particolare riguardo alla olivicoltura;
    lire 40 miliardi per il settore vitivinicolo.
  Per  gli  esercizi  dal  1983  al  1987  la somma annua di lire 380
miliardi e' cosi' ripartita:
    lire 300 miliardi per il settore dell'irrigazione;
    lire 80 miliardi per il settore della forestazione.
  Le  somme  destinate  ai  vari  settori  di cui ai precedenti commi
potranno  essere  variate annualmente in aumento o in diminuzione nei
limiti dello stanziamento complessivo di ciascun esercizio dal CIPAA,
d'intesa  con  la  commissione  di  cui al primo comma del precedente
articolo  4,  in  relazione  alle  esigenze derivanti dalle verifiche
annuali  e biennali di attuazione del piano nazionale e dei programmi
regionali.
  In  sede  di riparto dei finanziamenti saranno determinate le somme
da  iscrivere in aumento del fondo per il finanziamento dei programmi
regionali  di  sviluppo  di  cui all'articolo 9 della legge 16 maggio
1970,  n. 281, e le somme per gli interventi di cui alle lettere c) e
g)  del precedente articolo 3 da iscriversi negli stati di previsione
delle amministrazioni dello Stato.
  La  comunicazione  dei finanziamenti assegnati a ciascuna regione e
provincia  autonoma  deve  essere  effettuata annualmente entro il 31
ottobre  dell'anno  precedente  a  quello al quale i finanziamenti si
riferiscono.
  Le somme destinate alle singole regioni e province autonome in base
al  riparto  di  cui  al precedente settimo comma saranno versate nei
conti   correnti   intrattenuti  dalle  stesse  presso  la  Tesoreria
centrale.  L'erogazione  per  il primo anno e' disposta e deve essere
effettuata  entro trenta giorni dall'approvazione del piano nazionale
e  dei  programmi  regionali. L'erogazione per gli anni successivi e'
disposta    e   deve   essere   effettuata   entro   novanta   giorni
dall'approvazione   del   bilancio   dello   Stato  di  ciascun  anno
interessato.
  All'onere  di  lire  670 miliardi derivante dall'applicazione della
presente  legge  nell'esercizio finanziario 1978 si provvede mediante
corrispondente riduzione del fondo speciale iscritto al capitolo 9001
dello stato di previsione della spesa del Ministero del tesoro per lo
stesso esercizio. ((1))
-----------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La  Corte  Costituzionale, con sentenza 14-15 dicembre 1983, n. 340
(in  G.U.  1a s.s. 21/12/1983, n. 349) ha dichiarato l'illegittimita'
costituzionale della presente legge per la parte in cui la disciplina
in  essa  prevista  concerne  la  Regione  Friuli-Venezia Giulia e le
Province autonome di Trento e Bolzano.