LEGGE 16 aprile 1973, n. 171

Interventi per la salvaguardia di Venezia.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 27/12/2003)
Testo in vigore dal: 23-5-1973
                               Art. 2 
 
  La Regione, ai fini di cui  al  precedente  articolo,  approva  con
propria legge, entro 15 mesi dalla deliberazione del Governo  di  cui
al terzo  comma  del  presente  articolo,  un  piano  comprensoriale,
relativo al territorio di Venezia ed al suo  entroterra,  che  dovra'
essere redatto tenendo conto degli indirizzi fissati  nella  predetta
deliberazione. 
  La Regione con propria legge  delimita  l'ambito  territoriale  del
comprensorio e stabilisce la partecipazione  dei  comuni  interessati
alla formazione ed alla adozione del piano comprensoriale. 
  Il Governo, entro tre mesi dall'entrata in  vigore  della  presente
legge, fissa gli indirizzi di cui al primo comma attinenti a: 
    a) indicazioni concernenti lo sviluppo e  l'assetto  territoriale
di Venezia e del suo entroterra; 
    b) individuazione ed impostazione generale delle  misure  per  la
protezione   e   la   valorizzazione   dell'ambiente    naturale    e
storico-artistico di Venezia e di Chioggia, con particolare  riguardo
all'equilibrio idrogeologico ed all'unita' fisica ed ecologica  della
laguna. 
  Per la preparazione degli indirizzi di cui al precedente comma,  e'
costituito  un  comitato  cosi'  composto:  Ministro  per  i   lavori
pubblici,  che  lo  presiede,  Ministro  per   il   bilancio   e   la
programmazione  economica,  Ministro  per  la  pubblica   istruzione,
Ministro per la marina mercantile, Ministro per la sanita',  Ministro
per l'agricoltura e le foreste, Presidente della Giunta regionale del
Veneto,  Presidente  dell'amministrazione  provinciale  di   Venezia,
sindaco di Venezia, sindaco di Chioggia e  due  rappresentanti  degli
altri comuni di cui all'ultimo comma del presente articolo eletti dai
sindaci con voto limitato. 
  Ciascuno dei suddetti  componenti  puo'  essere  sostituito  da  un
proprio rappresentante all'uopo delegato. 
  I  finanziamenti  disposti  dalla  presente  legge  debbono  essere
utilizzati nell'interesse dei comuni di Venezia, Chioggia,  Codevigo,
Campagna Lupia, Mira, Quarto D'Altino, Iesolo, Musile di Piave.