LEGGE 15 febbraio 1963, n. 281

Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 27/04/2013)
Testo in vigore dal: 12-5-2013
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 9. 
 
  Presso il Ministero della  sanita'  e'  istituita  una  commissione
tecnica composta di: 
    due rappresentanti del Ministero della sanita', di  cui  uno  con
funzioni di presidente; 
    due rappresentanti dell'Istituto superiore di sanita'; 
    due  rappresentanti  del  Ministero  dell'agricoltura   e   delle
foreste; 
    un rappresentante del Ministero dell'industria, del  commercio  e
dell'artigianato; 
    una rappresentante del Ministero delle  finanze  appartenente  al
laboratorio chimico centrale delle dogane; 
    un rappresentante degli istituti  di  sperimentazione  zootecnica
designato dal Ministero dell'agricoltura e delle foreste; 
    un rappresentante degli istituti zooprofilattici; 
    due  rappresentanti  delle  organizzazioni  dei   produttori   ed
importatori di integratori e di mangimi integrati; 
    tre   rappresentanti   della   cooperazione,   designati    dalle
associazioni nazionali di tutela e  di  vigilanza  delle  cooperative
piu' rappresentative; 
    quattro   rappresentanti   degli   allevatori,   di    cui    due
rappresentanti dei coltivatori  diretti  ed  uno  rappresentante  dei
mezzadri, designati dalle associazioni nazionali  di  categoria  piu'
rappresentative. ((9)) 
  La commissione di  cui  sopra  e'  nominata  dal  Ministro  per  la
sanita', dura in carica quattro anni ed i suoi membri possono  essere
riconfermati. 
  La commissione esprime il proprio parere nei  casi  previsti  dalla
legge o quando sia richiesto dalle amministrazioni interessate. 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (9) 
  Il D.P.R. 28 marzo 2013, n. 44 ha disposto (con l'art. 2, comma  2,
lettera e)) che  sono  trasferite  ad  un  unico  organo  collegiale,
denominato «Comitato tecnico per la nutrizione e la sanita' animale»,
le funzioni in atto esercitate dalla Commissione tecnica mangimi,  di
cui al comma 1 del presente articolo.