LEGGE 4 aprile 1952, n. 218

Riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/1999)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-3-1958
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 15.

  I  contributi  dovuti per qualsiasi forma di assicurazione sociale,
per   il  trattamento  a  favore  delle  lavoratrici  madri,  per  la
costruzione  di  case  per  lavoratori  (Gestione  I.N.A.-Casa) e per
l'assistenza  agli  orfani  dei  lavoratori  italiani  sono calcolati
sull'intero ammontare della retribuzione.
  Agli effetti di cui al comma precedente si intende per retribuzione
tutto  cio'  che  il  lavoratore  riceve,  in denaro o in natura, per
compenso dell'opera prestata, al lordo di qualsiasi trattenuta.
  Qualora  la  retribuzione giornaliera risulti inferiore a lire 400,
il contributo e' sempre commisurato su tale limite minimo. (1) ((3))
  Nel  corso  del  primo  quinquennio  di applicazione della presente
legge,  se  particolari  esigenze  lo  richiedano  a  vantaggio della
mutualita'  generale  o delle categorie interessate, il limite di cui
al precedente comma puo' essere modificato con decreto del Presidente
della  Repubblica  su  proposta  del  Ministro  per  il  lavoro  e la
previdenza  sociale,  anche solo relativamente a determinate zone o a
singole categorie.
---------------
AGGIORNAMENTO (1)
  Il  D.P.R.  1  dicembre  1952,  n. 3335 ha disposto (con l'articolo
unico)  che "Il limite minimo di retribuzione stabilito dall'art. 15,
terzo  comma,  della legge 4 aprile 1952, n. 218, e' ridotto, ai fini
della  commisurazione  dei contributi dovuti per gli apprendisti, nel
settore dell'artigianato, a L. 300."
---------------
AGGIORNAMENTO (3)
  La  L.  20  febbraio 1958, n. 55 ha disposto (con l'art. 13, ultimo
comma)  che  "Il  limite  minimo di retribuzione giornaliera previsto
dall'art. 15, comma terzo, della legge 4 aprile 1952, n. 218, ai fini
del  calcolo dei contributi di previdenza e di assistenza sociale, e'
elevato a lire 500."