LEGGE 10 agosto 1950, n. 715

Costituzione di un "Fondo per l'incremento edilizio" destinato a sollecitare l'attivita' edilizia privata per la concessione di mutui per la costruzione di case di abitazione.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 03/03/1973)
Testo in vigore dal: 29-9-1950
    La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della Repubblica hanno
approvato;

                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

                              PROMULGA

la seguente legge:
                               Art. 1.

  Il Ministro per il tesoro e' autorizzato a prelevare dal fondo lire
di  cui  all'art.  2  della  legge  4  agosto  1948,  n. 1108, per la
costituzione presso il Ministero stesso di un "Fondo per l'incremento
edilizio",  la  somma  di  lire  dieci  miliardi sulle disponibilita'
ottenute  con gli aiuti concessi per l'esercizio finanziario 1948-49,
ed ulteriori somme, sino a lire quindici miliardi, sull'ammontare del
conto  speciale  che  verra'  a  formarsi  per gli esercizi 1950-51 e
1951-52.
  Tali  somme da iscriversi nello stato di previsione della spesa del
Ministero  del  tesoro,  sono  destinate  a  sollecitare  l'attivita'
edilizia  privata,  favorendo l'iniziativa dei piccoli risparmiatori,
con  la  concessione di mutui e la costruzione di case di abitazione,
escluse  quelle di lusso, nelle localita' ove si riscontri necessita'
di  miglioramento edilizio o deficienza di abitazioni, con preferenza
per i centri minori.