LEGGE 22 giugno 1911, n. 635

Che dichiara monumento nazionale la casa che ospito' Carlo Pisacane in Genova, la banchina Cammarelle di Sapri, l'Arco dell'Annunziata di Padula ed il cippo di Sanza. (011U0635)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 22/07/1911 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/12/2009)
vigente al 01/12/2021
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 22-7-1911
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Il Senato e la Camera dei deputati hanno approvato; 
 
  Noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: 
 
                           Articolo unico. 
 
  La  casa  che  ospito'  Carlo  Pisacane  in  Genova,  la   banchina
Cammarelle di Sapri, l'Arco dell'Annunziata di Padula ed il Cippo  di
Sanza, sono dichiarati monumenti nazionali. 
 
  Il  ministro  dell'interno  e'  incaricato  dell'esecuzione   della
presente legge e di concerto coi ministri della pubblica  istruzione,
delle finanze, della marina  e  del  tesoro  determinera'  i  precisi
limiti delle aree comprese nell'anzidetta dichiarazione,  provvedendo
alla spesa relativa. 
 
  Ordiniamo che la presente, munita  del  sigillo  dello  Stato,  sia
inserta nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del  Regno
d'Italia, mandando  a  chiunque  spetti  di  osservarla  e  di  farla
osservare come legge dello Stato. 
 
    Data a Roma, addi' 22 giugno 1911. 
 
                         VITTORIO EMANUELE. 
 
                                                            Giolitti. 
 
  Visto, Il guardasigilli: Finocchiaro-Aprile.