DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2016, n. 50

((Codice dei contratti pubblici)). (16G00062)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 19/04/2016 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 24/11/2021)
vigente al 30/11/2021
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-6-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 162 
 
 
                        (Contratti secretati) 
 
  1. Le disposizioni del presente codice relative alle  procedure  di
affidamento possono essere derogate: 
  a) per i contratti al cui oggetto, atti o modalita'  di  esecuzione
e' attribuita una classifica di segretezza; 
  b) per i contratti la cui esecuzione deve  essere  accompagnata  da
speciali  misure  di  sicurezza,  in   conformita'   a   disposizioni
legislative, regolamentari o amministrative. 
  2. Ai fini  della  deroga  di  cui  al  comma  1,  lettera  a),  le
amministrazioni e gli enti usuari  attribuiscono,  con  provvedimento
motivato, le classifiche di  segretezza  ai  sensi  dell'articolo  42
della legge 3 agosto 2007, n. 124, ovvero di altre norme vigenti.  Ai
fini della deroga di cui al comma 1, lettera b), le amministrazioni e
gli enti usuari dichiarano, con provvedimento motivato, i  lavori,  i
servizi e le forniture eseguibili con speciali  misure  di  sicurezza
individuate nel predetto provvedimento. 
  3. I contratti di  cui  al  comma  1  sono  eseguiti  da  operatori
economici in possesso dei requisiti previsti dal presente  decreto  e
del  nulla  osta  di  sicurezza,  ai  sensi  e  nei  limiti  di   cui
all'articolo 42, comma 1-bis, della legge n. 124 del 2007. 
  4. L'affidamento dei contratti di cui al presente articolo  avviene
previo esperimento di gara  informale  a  cui  sono  invitati  almeno
cinque operatori economici, se sussistono  in  tale  numero  soggetti
qualificati in relazione all'oggetto del contratto e  sempre  che  la
negoziazione con piu' di un operatore economico sia  compatibile  con
le esigenze di segretezza e sicurezza. 
  5. La Corte dei conti, tramite un proprio  ufficio  organizzato  in
modo da  salvaguardare  le  esigenze  di  riservatezza,  esercita  il
controllo preventivo  sulla  legittimita'  e  sulla  regolarita'  dei
contratti di cui al presente  articolo,  nonche'  sulla  regolarita',
correttezza ed efficacia della gestione.  Dell'attivita'  di  cui  al
presente comma e' dato conto entro il 30 giugno di  ciascun  anno  in
una relazione al Parlamento. ((23)) 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (23) 
  Il D.L. 30 aprile 2020, n. 28, convertito con  modificazioni  dalla
L. 25 giugno 2020, n. 70, ha disposto (con l'art. 5, comma 1-bis) che
"A  decorrere  dalla  data  di  entrata  in  vigore  della  legge  di
conversione  del  presente  decreto,  in  relazione   all'accresciuta
esigenza di garantire la sicurezza degli approvvigionamenti  pubblici
di carattere strategico, l'ufficio di cui all'articolo 162, comma  5,
del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto  legislativo  18
aprile 2016, n. 50, assume la denominazione di Sezione  centrale  per
il controllo dei contratti secretati e svolge,  oltre  alle  funzioni
ivi previste, anche il controllo preventivo di cui  all'articolo  42,
comma 3-bis, del regolamento di cui al  decreto  del  Presidente  del
Consiglio dei ministri 6 novembre 2015, n. 5. [...] Con riferimento a
quanto previsto dall'articolo 162,  comma  5,  secondo  periodo,  del
codice di cui al decreto  legislativo  18  aprile  2016,  n.  50,  la
relazione e' trasmessa al  Comitato  parlamentare  per  la  sicurezza
della Repubblica".