DECRETO LEGISLATIVO 24 aprile 2006, n. 219

Attuazione della direttiva 2001/83/CE (e successive direttive di modifica) relativa ad un codice comunitario concernente i medicinali per uso umano ((...)).

note: Entrata in vigore del decreto: 6-7-2006 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/09/2020)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 8-3-2014
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 100 
    Autorizzazione alla distribuzione all'ingrosso dei medicinali 
 
      1. La distribuzione all'ingrosso di medicinali  e'  subordinata
al possesso di un'autorizzazione rilasciata  dalla  regione  o  dalla
provincia  autonoma  ovvero   dalle   altre   autorita'   competenti,
individuate  dalla  legislazione  delle  regioni  o  delle   province
autonome. ((Tale autorizzazione precisa per quali  locali,  stabiliti
sul loro territorio, e' valida.)) 
      1-bis. I farmacisti e le societa' di  farmacisti,  titolari  di
farmacia ai sensi dell'articolo 7 della legge  8  novembre  1991,  n.
362, nonche' le societa' che  gestiscono  farmacie  comunali  possono
svolgere attivita' di distribuzione all'ingrosso dei medicinali,  nel
rispetto  delle  disposizioni  del  presente  titolo.  Parimenti   le
societa' che svolgono  attivita'  di  distribuzione  all'ingrosso  di
medicinali possono svolgere  attivita'  di  vendita  al  pubblico  di
medicinali attraverso la gestione di farmacie comunali. 
      1-ter.  E'  fatto  divieto  al  produttore  e  al  distributore
all'ingrosso di praticare, senza giustificazione, nei  confronti  dei
dettaglianti condizioni diverse da  quelle  preventivamente  indicate
nelle condizioni generali di contratto. 
      2. COMMA ABROGATO DAL D.L. 4 LUGLIO 2006, N.  223,  CONVERTITO,
CON MODIFICAZIONI DALLA L. 4 AGOSTO 2006, N. 248. 
      3. L'autorizzazione di cui al  comma  1  non  e'  richiesta  se
l'interessato e'  in  possesso  dell'autorizzazione  alla  produzione
prevista  dall'articolo  50  a  condizione   che   la   distribuzione
all'ingrosso  e'  limitata  ai  medicinali,  comprese  le  ((sostanze
attive)), oggetto di tale autorizzazione. 
      4. Il possesso dell'autorizzazione ad esercitare l'attivita' di
grossista  di  medicinali  non  dispensa  dall'obbligo  di  possedere
l'autorizzazione alla produzione ottenuta in  conformita'  al  titolo
IV, e di rispettare le condizioni stabilite al riguardo, anche quando
l'attivita' di produzione o di importazione e' esercitata a titolo di
attivita' collaterale. 
      4-bis. Sono fatti salvi gli  effetti  degli  affidamenti  della
gestione delle farmacie comunali a societa' che svolgono attivita' di
distribuzione all'ingrosso di medicinali,  nonche'  dell'acquisizione
da parte di tali societa' di partecipazioni in  societa'  affidatarie
della gestione di farmacie comunali, effettuati prima della  data  di
entrata in vigore del presente decreto legislativo. 
      5. E' esclusa dall'ambito di applicazione del  presente  titolo
l'attivita' di intermediazione del  commercio  all'ingrosso  che  non
comporta acquisto o cessione di medicinali all'ingrosso. 
      6.  Le  bombole  e  gli  altri  contenitori  di  ossigeno,   ed
eventualmente di altri gas medicinali da individuarsi con decreto del
Ministro  della  salute,  possono  essere  forniti  direttamente   al
domicilio dei pazienti, alle condizioni stabilite dalle  disposizioni
regionali.