DECRETO LEGISLATIVO 27 marzo 2006, n. 161

Attuazione della direttiva 2004/42/CE, per la limitazione delle emissioni di composti organici volatili conseguenti all'uso di solventi in talune pitture e vernici, nonche' in prodotti per la carrozzeria.

note: Entrata in vigore del decreto: 17-5-2006 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/02/2013)
Testo in vigore dal: 12-8-2012
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 7 
                  Disposizioni transitorie e finali 
 
  1. I prodotti elencati nell'allegato I aventi un contenuto  di  COV
superiore ai valori limite previsti nell'allegato II  possono  essere
immessi  sul  mercato  nei  dodici  mesi  successivi  alla  data   di
applicazione del valore limite superato se si dimostra che gli stessi
sono stati prodotti prima di tale data. 
  1-bis. I prodotti di cui al comma 1 ancora presenti  nei  magazzini
dei distributori alla  data  di  entrata  in  vigore  della  presente
disposizione possono continuare  ad  essere  venduti  al  consumatore
finale entro il 30 giugno 2009. 
  2. I  valori  limite  previsti  dall'allegato  II  ((...))  non  si
applicano ai prodotti elencati nell'allegato I  che,  fin  dal  primo
atto di immissione sul mercato, sono destinati ad essere  oggetto  di
miscelazione  o  di  utilizzazione  esclusivamente   in   Stati   non
appartenenti all'Unione europea. (4) (6) (8) 
  3. Con appositi decreti del Ministro dell'ambiente e  della  tutela
del territorio, di concerto con il Ministro della  salute  e  con  il
Ministro delle attivita' produttive, ai sensi dell'articolo 13  della
legge 4 febbraio  2005,  n.  11,  si  provvede  alla  modifica  degli
allegati  del  presente  decreto,  al  fine  di  dare  attuazione   a
successive direttive comunitarie  per  le  parti  in  cui  le  stesse
modifichino modalita' esecutive e caratteristiche di  ordine  tecnico
della direttiva comunitaria recepita con il presente decreto. 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (4) 
  Il D.L. 29 dicembre 2010,  n.  225,  convertito  con  modificazioni
dalla L. 26 febbraio 2011, n. 10, ha disposto (con  l'art.  1,  comma
1), in relazione al comma 2 del presente articolo, che "E' fissato al
31 marzo 2011 il  termine  di  scadenza  dei  termini  e  dei  regimi
giuridici indicati nella tabella 1  allegata  con  scadenza  in  data
anteriore al 15 marzo 2011." 
------------- 
AGGIORNAMENTO (6) 
  Il Il D.P.C.M. 25  marzo  2011  (in  G.U.  31/03/2011,  n.  74)  ha
disposto (con l'art. 1, comma 1) che il termine di cui al comma 2 del
presente articolo e' prorogato al 31 dicembre 2011. 
  Ha inoltre disposto  (con  l'art.  1,  comma  2)  che  la  presente
modifica ha effeto dal 1° aprile 2011. 
------------- 
AGGIORNAMENTO (8) 
  Il D.L. 29 dicembre 2011,  n.  216,  convertito  con  modificazioni
dalla L. 24 febbraio 2012, n. 14 ha disposto (con l'art.13, comma  7)
che  "Il  termine  di  cui  all'articolo  7,  comma  2,  del  decreto
legislativo 27 marzo 2006, n. 161, e successive  modificazioni,  come
prorogato ai sensi dell'articolo 1, commi 1 e 2 del decreto-legge  29
dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge  26
febbraio 2011, n. 10, e dal decreto del Presidente del Consiglio  dei
Ministri 25 marzo 2011, recante ulteriore proroga di termini relativa
al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del  mare,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.  74  del  31  marzo  2011,  e'
prorogato al 31 dicembre 2012".