DECRETO LEGISLATIVO 26 febbraio 1999, n. 46

Riordino della disciplina della riscossione mediante ruolo, a norma dell'articolo 1 della legge 28 settembre 1998, n. 337.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-7-1999 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/11/2014)
Testo in vigore dal: 24-11-2002
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 24
                   Iscrizioni a ruolo dei crediti
                      degli enti previdenziali

  1. I contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali non
versati  dal debitore nei termini previsti da disposizioni di legge o
dovuti in forza di accertamenti effettuati dagli uffici sono iscritti
a  ruolo, unitamente alle sanzioni ed alle somme aggiuntive calcolate
fino  alla data di consegna del ruolo al concessionario, al netto dei
pagamenti effettuati spontaneamente dal debitore.
  2.  L'ente  ha  facolta' di richiedere il pagamento mediante avviso
bonario al debitore. L'iscrizione a ruolo non e' eseguita, in tutto o
in  parte,  se  il  debitore  provvede a pagare le somme dovute entro
trenta  giorni  dalla  data  di  ricezione del predetto avviso. Se, a
seguito  della  ricezione  di  tale  avviso, il contribuente presenta
domanda  di rateazione, questa viene definita secondo la normativa in
vigore  e  si procede all'iscrizione a ruolo delle rate dovute. Fatto
salvo  quanto  previsto  dall'articolo  25,  l'iscrizione  a ruolo e'
eseguita   nei   sei  mesi  successivi  alla  data  prevista  per  il
versamento.
  3.  Se  l'accertamento effettuato dall'ufficio e' impugnato davanti
all'autorita'  giudiziaria,  l'iscrizione  a  ruolo  e'  eseguita  in
presenza di provvedimento esecutivo del giudice.
  4.   In   caso  di  gravame  amministrativo  contro  l'accertamento
effettuato  dall'ufficio,  l'iscrizione  a  ruolo e' eseguita dopo la
decisione  del  competente  organo  amministrativo e comunque entro i
termini di decadenza previsti dall'articolo 25.
  5.  Contro  l'iscrizione  a  ruolo  il  contribuente  puo' proporre
opposizione al giudice del lavoro entro il termine di quaranta giorni
dalla  notifica della cartella di pagamento. Il ricorso va notificato
all'ente impositore ((. . .)).
  6.  Il  giudizio di opposizione contro il ruolo per motivi inerenti
il merito della pretesa contributiva e' regolato dagli articoli 442 e
seguenti  del  codice  di procedura civile. Nel corso del giudizio di
primo  grado  il  giudice del lavoro puo' sospendere l'esecuzione del
ruolo per gravi motivi.
  7.  Il ricorrente deve notificare il provedimento di sospensione al
concessionario.
  8.  Resta salvo quanto previsto dal decreto legislativo 18 dicembre
1997, n. 462.