DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446

Istituzione dell'imposta regionale sulle attivita' produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'Irpef e istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonche' riordino della disciplina dei tributi locali.

note: Entrata in vigore della legge: 1-1-1998 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/08/2020)
Testo in vigore dal: 1-1-1998
al: 25-5-1998
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 16. 
                     Determinazione dell'imposta 
 
  1. L'imposta e' determinata applicando al valore  della  produzione
netta l'aliquota del 4,25 per cento, salvo quanto previsto dal  comma
2, nonche' nei commi 1 e 2 dell'articolo 45. 
  2. Nei confronti dei soggetti di  cui  all'articolo  88,  comma  1,
testo unico delle imposte sui  redditi,  approvato  con  decreto  del
Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e  degli  altri
enti pubblici, compresi quelli non residenti, relativamente al valore
prodotto nell'esercizio di attivita' non  commerciali,  si  applicano
sull'ammontare  della  retribuzione  annua  corrisposta   a   ciascun
dipendente le aliquote del 9,6 per cento fino a 40 milioni e del  3,8
per  cento  fino  a  150  milioni,  e  sull'ammontare  del   compenso
corrisposto a ciascun collaboratore coordinato  e  continuativo,  con
riferimento ai predetti limiti, le aliquote, rispettivamente, del 6,6
per cento e del 4,6 per cento. 
  3. A decorrere dal terzo anno successivo a quello  dell'entrata  in
vigore del presente decreto, le regioni hanno facolta' di  maggiorare
l'aliquota di cui  al  comma  1  fino  ad  un  massimo  di  un  punto
percentuale. La maggiorazione puo' essere differenziata  per  settori
di attivita' e per categorie di soggetti passivi. 
           Note all'art. 16:
            -  Il  testo  dell'art. 88 del TUIR e' riportanto in nota
          all'art. 3.