DECRETO LEGISLATIVO 21 dicembre 1990, n. 398

Istituzione e disciplina dell'addizionale regionale all'imposta erariale di trascrizione di cui alla legge 23 dicembre 1977, n. 952, e successive modificazioni, dell'addizionale regionale all'((accisa)) sul ((gas naturale)) e per le utenze esenti, di un'imposta sostitutiva dell'addizionale, e la previsione della facolta' delle regioni a statuto ordinario di istituire un'imposta regionale sulla benzina per autotrazione.

note: Entrata in vigore del decreto: 1/1/1991 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 22/03/2007)
Testo in vigore dal: 1-1-1997
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 17. 
  1. Le regioni a statuto ordinario hanno facolta' di  istituire  con
proprie leggi un'imposta regionale sulla  benzina  per  autotrazione,
erogata dagli impianti  di  distribuzione  ubicati  nelle  rispettive
regioni, successivamente alla data di entrata in vigore  della  legge
istitutiva, in misura non eccedente lire 30 al litro. 
  2. Le regioni, possono, con successive  leggi,  fissare  l'aliquota
dell'imposta in misura diversa da  quella  precedentemente  prevista,
purche' non  eccedente  lire  30  al  litro,  sulla  benzina  erogata
successivemente alla data  di  entrata  in  vigore  della  legge  che
dispone la variazione.((3)) 
    
-------------------

    
AGGIORNAMENTO (3) 
 La L. 23 dicembre 1996, n. 662 ha disposto (con l'art. 1, comma 154)
che "La misura  massima  dell'imposta  regionale  sulla  benzina  per
autotrazione prevista dall'articolo 17  del  decreto  legislativo  21
dicembre 1990, n. 398, e' elevata a lire 50 a litro."