DECRETO-LEGGE 9 febbraio 2017, n. 8

Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017. (17G00021)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 10/02/2017
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 7 aprile 2017, n. 45 (in G.U. 10/04/2017, n. 84).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2021)
Testo in vigore dal: 6-12-2017
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2 
 
 
 Ulteriori disposizioni urgenti in materia di strutture di emergenza 
 
  1. Per l'affidamento  delle  opere  di  urbanizzazione  primaria  e
secondaria connesse  alla  realizzazione  delle  strutture  abitative
d'emergenza (SAE) di cui all'articolo 1 dell'ordinanza del  Capo  del
Dipartimento della protezione civile n. 394 del  19  settembre  2016,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 222  del  22  settembre  2016,
delle strutture e dei moduli  temporanei  ad  usi  pubblici  e  delle
strutture temporanee finalizzate a  garantire  la  continuita'  delle
attivita' economiche  e  produttive  di  cui,  rispettivamente,  agli
articoli 2  e  3  dell'ordinanza  del  Capo  del  Dipartimento  della
protezione civile n. 408  del  15  novembre  2016,  pubblicata  nella
Gazzetta Ufficiale n. 270 del 18 novembre 2016,  nonche'  dei  moduli
abitativi provvisori rurali di cui all'articolo 3 dell'ordinanza  del
Capo del Dipartimento della protezione civile n. 399 del  10  ottobre
2016, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 244 del 18 ottobre 2016,
e dei ricoveri ed impianti temporanei di cui all'articolo 7, comma 3,
dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione  civile  n.
393 del 13 settembre 2016, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 217
del 16 settembre 2016, per i casi in cui non procedono direttamente i
singoli  operatori  danneggiati   ai   sensi   di   quanto   previsto
dall'articolo 1, comma 2, dell'ordinanza del  Capo  del  Dipartimento
della protezione civile n. 415 del 21 novembre 2016, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 280 del 30 novembre 2016, le  Regioni  Abruzzo,
Lazio, Marche ed Umbria, e gli enti locali  delle  medesime  regioni,
ove a tali fini individuati quali  stazioni  appaltanti,  in  ragione
della sussistenza delle  condizioni  di  estrema  urgenza,  procedono
all'espletamento dei predetti interventi ai sensi  dell'articolo  63,
comma 2, lettera c), del decreto legislativo 18 aprile 2016,  n.  50,
nonche' con i poteri di cui all'articolo 5 della  medesima  ordinanza
del Capo del Dipartimento della  protezione  civile  n.  394  del  19
settembre 2016. 
  2. Per le finalita' di cui  al  comma  1,  le  stazioni  appaltanti
provvedono a sorteggiare, all'interno dell'Anagrafe antimafia di  cui
all'articolo 30 del decreto-legge n. 189 del  2016  o  degli  elenchi
tenuti dalle prefetture - uffici territoriali del  Governo  ai  sensi
dell'articolo 1, comma 52, della  legge  6  novembre  2012,  n.  190,
almeno cinque operatori economici,  qualora  esistenti,  al  fine  di
procedere all'aggiudicazione delle opere  di  urbanizzazione  con  il
criterio del prezzo  piu'  basso.  Ferme  restando  le  modalita'  di
formazione e tenuta degli elenchi di  operatori  economici  stabilite
dall'ANAC con le linee guida  adottate  ai  sensi  dell'articolo  36,
comma 7, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, il  sorteggio
di cui al presente comma puo'  anche  essere  effettuato  nell'ambito
degli  elenchi  regionali,  limitando  l'invito  alle   imprese   che
risultino contestualmente  iscritte  nell'Anagrafe  o  negli  elenchi
prefettizi di cui al periodo precedente. 
  3.  Fermo  restando  quanto  previsto  dall'articolo  4,  comma  5,
dell'ordinanza  n.  5  del   28   novembre   2016   del   Commissario
straordinario del  Governo  di  cui  all'articolo  1,  comma  3,  del
decreto-legge n. 189 del 2016, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.
284 del 5 dicembre 2016, al fine di  favorire  la  rapida  esecuzione
delle opere  di  urbanizzazione  di  cui  all'articolo  1,  comma  3,
dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione  civile  n.
415 del 21 novembre 2016, le Regioni provvedono a concedere, a valere
sulle  risorse  disponibili  sulle  contabilita'  speciali   di   cui
all'articolo 4, comma 2, dell'ordinanza  del  Capo  del  Dipartimento
della protezione civile n. 388 del 26 agosto 2016,  pubblicata  nella
Gazzetta Ufficiale n. 201 del 29 agosto 2016, un'anticipazione,  fino
al  30  per  cento,  del  contributo  a  copertura  delle  spese   di
realizzazione dei medesimi lavori, sulla base della presentazione, da
parte dei privati istanti,  del  progetto  dei  lavori,  comprendente
l'indicazione dei relativi costi. 
  3-bis.  ((COMMA  ABROGATO  DAL  D.L.  16  OTTOBRE  2017,  N.   148,
CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L. 4 DICEMBRE 2017, N. 172)).