DECRETO-LEGGE 14 febbraio 2016, n. 18

Misure urgenti concernenti la riforma delle banche di credito cooperativo, la garanzia sulla cartolarizzazione delle sofferenze, il regime fiscale relativo alle procedure di crisi e la gestione collettiva del risparmio. (16G00025)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 16/02/2016.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 8 aprile 2016, n. 49 (in G.U. 14/04/2016, n.87).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 03/08/2021)
Testo in vigore dal: 21-11-2018
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 3 
 
                       Ambito di applicazione 
 
  1. Il Ministro dell'economia e delle  finanze,  per  diciotto  mesi
dalla data di entrata in vigore del presente decreto, e'  autorizzato
a  concedere  la  garanzia  dello  Stato  sulle   passivita'   emesse
nell'ambito di operazioni di cartolarizzazione di cui all'articolo  1
della legge 30 aprile 1999, n. 130, a fronte della cessione da  parte
di banche e di  intermediari  finanziari  iscritti  all'albo  di  cui
all'articolo 106 del decreto legislativo 1º settembre 1993,  n.  385,
di seguito denominati  "societa'  cedenti",  aventi  sede  legale  in
Italia  di  crediti  pecuniari,  compresi  i  crediti  derivanti   da
contratti di leasing, classificati come sofferenze, nel rispetto  dei
criteri e condizioni indicati nel presente Capo. (3) ((5)) 
  2. Il Ministro dell'economia  e  delle  finanze  puo'  con  proprio
decreto estendere il periodo di cui al comma 1, fino a un massimo  di
ulteriori  diciotto  mesi,  previa  approvazione   da   parte   della
Commissione europea. 
  3. Il Ministero dell'economia e delle finanze, entro tre mesi dalla
data della positiva decisione della Commissione europea sul regime di
concessione della garanzia dello Stato di cui  al  comma  1,  nomina,
previa  approvazione  di  quest'ultima,   un   soggetto   qualificato
indipendente per il monitoraggio della conformita' del rilascio della
garanzia a quanto previsto nel presente capo e nella decisione  della
Commissione europea.  Ai  relativi  oneri  si  provvede,  nel  limite
massimo di euro 1 milione per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019, a
valere sulle risorse della contabilita' speciale di cui  all'articolo
12. 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (3) 
  Il Decreto 21 novembre 2017 (in G.U. 6/12/2017, n. 285) ha disposto
(con l'art. 1, comma 1) che "Il periodo di cui al comma 1 dell'art. 3
del  decreto-legge  14  febbraio  2016,  n.   18,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 8 aprile 2016, n. 49, e' esteso fino al  6
settembre 2018". 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (5) 
  Il Decreto 10 ottobre 2018 (in G.U. 06/11/2018, n. 258) ha disposto
(con l'art. 1, comma 1) che "Il periodo di cui al comma 1 dell'art. 3
del decreto-legge, come prolungato ai sensi dell'art. 1  del  decreto
del Ministro dell'economia e delle finanze del 21 novembre  2017,  e'
esteso di ulteriori 6 mesi, sino al 6 marzo 2019".