DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2006, n. 300

Proroga di termini previsti da disposizioni legislative ((e disposizioni diverse)).

note: Entrata in vigore del decreto: 28-12-2006.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 26 febbraio 2007, n. 17 (in SO n.48, relativo alla G.U. 26/02/2007, n.47).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/07/2018)
Testo in vigore dal: 27-2-2007
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4 
Disposizioni in tema  di  enti  ed  organismi  pubblici,  nonche'  di
                        attivita' produttive 
 
  1. All'articolo  29  del  decreto-legge  4  luglio  2006,  n.  223,
convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248,  il
comma 4 e' sostituito dal seguente: 
"4. Ferma restando la realizzazione degli obiettivi di  risparmio  di
spesa  di  cui  al  comma  1,  gli  organismi  non  individuati   dai
provvedimenti previsti dai commi 2 e 3 entro il 15 maggio  2007  sono
soppressi. A tale fine, i regolamenti ed i decreti di cui al comma 2,
nonche' gli atti di natura regolamentare di cui al  comma  3,  devono
essere trasmessi per l'acquisizione dei prescritti pareri, ovvero per
la verifica  da  parte  degli  organi  interni  di  controllo  e  per
l'approvazione da parte dell'amministrazione vigilante, ove prevista,
entro il 28 febbraio 2007.". 
  ((1-bis. All'articolo 1, comma 580, terzo periodo, della  legge  27
dicembre 2006, n. 296, le parole: "a far tempo  dal  31  marzo  2007"
sono sostituite dalle seguenti: "a far tempo dal 15 giugno 2007" e le
parole:   "l'inquadramento"   sono   sostituite    dalle    seguenti:
"l'inquadramento del personale". 
  1-ter. All'articolo 1,  comma  585,  lettera  f),  della  legge  27
dicembre 2006, n. 296, sono aggiunte, in fine,  le  seguenti  parole:
"Il termine per l'esercizio del diritto di opzione previsto  da  tale
disposizione e' prorogato al 31 dicembre 2008".)) 
  2. ((COMMA SOPPRESSO DALLA L. 26 FEBBRAIO 2007, N. 17)). 
  3. Fermo restando  il  divieto,  per  le  aziende  produttrici,  di
immettere in commercio nuovi lotti dei prodotti di  cui  all'articolo
1-quater del decreto-legge 27 maggio 2005,  n.  87,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 26 luglio 2005,  n.  149,  che  non  siano
conformi a quanto previsto dai commi 1  e  3  del  predetto  articolo
1-quater, la vendita delle confezioni prodotte prima del 31  dicembre
2005 e ancora presenti sul circuito distributivo e' consentita fino a
scadenza  delle  confezioni.  Qualora  un  soggetto  non  vedente   o
ipovedente non trovi disponibile in una farmacia  o  in  altro  punto
vendita una confezione conforme alle prescrizioni dei commi 1 e 3 del
citato articolo 1-quater del decreto-legge n. 87 del 2005, le aziende
produttrici e distributrici sono tenute  a  fornire  con  la  massima
sollecitudine  alla  farmacia  o  al  punto  vendita  che  ne  faccia
conseguente  richiesta  una  confezione  rispondente  alle   predette
prescrizioni. 
  4. All'articolo 44, comma 2, della legge 12 dicembre 2002, n.  273,
relativo alla proroga dell'applicazione  del  diritto  annuale  delle
camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA), le
parole: "2005 e 2006" sono sostituite dalle seguenti: "2005,  2006  e
2007". 
  ((4-bis. All'articolo 8, comma 1, della legge 23 dicembre 2000,  n.
388, e successive modificazioni, e' aggiunto, in  fine,  il  seguente
periodo: "Per coloro che hanno ottenuto il riconoscimento del diritto
al credito d'imposta negli anni  2005  e  2006,  il  termine  per  il
completamento degli investimenti e' prorogato, rispettivamente, al 31
dicembre 2007 e al 31 dicembre 2008". 
  4-ter. All'articolo 37, comma 21-bis, del  decreto-legge  4  luglio
2006, n. 223, convertito, con modificazioni,  dalla  legge  4  agosto
2006, n. 248, le parole: "31 dicembre  2006"  sono  sostituite  dalle
seguenti: "31 dicembre 2007"  e  le  parole:  "31  marzo  2007"  sono
sostituite dalle seguenti: "31 marzo 2008".))