DECRETO-LEGGE 13 maggio 1991, n. 152

Provvedimenti urgenti in tema di lotta alla criminalita' organizzata e di trasparenza e buon andamento dell'attivita' amministrativa.

note: Entrata in vigore del decreto: 13-5-1991.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 12 luglio 1991, n. 203 (in G.U. 12/07/1991, n.162).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 22/03/2018)
Testo in vigore dal: 13-7-1991
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 14. 
  1. Per l'espletamento delle procedure relative ad appalti di  opere
pubbliche, (( pubbliche forniture e pubblici servizi, )) le province,
i comuni, i rispettivi consorzi, le unioni di comuni e  le  comunita'
montane, fermi restando i compiti e le responsabilita'  stabiliti  in
materia dalla legge 8 giugno 1990, n.  142  ,  possono  avvalersi  di
un'apposita  unita'  specializzata  istituita  dal  presidente  della
giunta regionale presso ciascun ufficio del genio civile. 
  2. Il competente provveditorato  regionale  alle  opere  pubbliche,
nonche' l'Agenzia per  lo  sviluppo  del  Mezzogiorno  forniscono  la
necessaria assistenza tecnica. 
  3. All'unita' specializzata di cui al comma 1 puo' essere  altresi'
preposto un funzionario con qualifica  dirigenziale,  ((...)),  della
regione o dello Stato. In  quest'ultimo  caso,  il  presidente  della
giunta regionale procede d'intesa  con  il  Ministero  dal  quale  il
funzionario dipende. 
  (( 3-bis. Il commissario del Governo presso  la  regione,  per  gli
appalti di opere pubbliche o di pubbliche  forniture  o  di  pubblici
servizi di competenza della regione, ed il prefetto,  per  quelli  di
competenza dei comuni, delle  province,  dei  consorzi  di  comuni  e
province, delle unioni di  comuni,  delle  unita'  sanitarie  locali,
delle comunita' montane, delle aziende speciali di comuni e  province
e degli altri enti pubblici locali con sede nella provincia,  possono
richiedere all'ente od  organo  interessato  notizie  e  informazioni
sull'espletamento della  gara  di  appalto  e  sull'  esecuzione  del
contratto di appalto. 
  3-ter. Nel caso in cui, sulla base di elementi comunque  acquisiti,
emergano inefficienze, ritardi anche nell' espletamento della gara d'
appalto, disservizi, anomalie o pericoli di condizionamenti mafiosi o
criminali, il commissario del Governo  ed  il  prefetto,  nell'ambito
delle attribuzioni di cui al comma 3-bis, d'intesa con il  presidente
della giunta regionale,  provvedono  senza  indugio,  a  nominare  un
apposito collegio di ispettori,  con  il  compito  di  verificare  la
correttezza delle procedure di appalto  e  di  acquisire  ogni  utile
notizia sulla impresa o imprese partecipanti alla gara di  appalto  o
aggiudicatarie o comunque  partecipanti  all'esecuzione  dell'appalto
stesso. 
  3-quater. Il collegio degli ispettori e' formato da  un  magistrato
della giurisdizione ordinaria o amministrativa che lo presiede, e  da
due funzionari dello Stato o della regione. 
  3-quinquies.  Il  provvedimento  di  nomina  del   collegio   degli
ispettori indica il termine entro il quale il  collegio  stesso  deve
riferire sul risultato delle indagini. Anche  prima  di  c  oncludere
l'indagine,   il   collegio    degli    ispettori    puo'    proporre
all'amministrazione o all'ente interessato la sospensione della  gara
d'appalto o della esecuzione del contratto di  appalto  ed  informare
gli organi amministrativi competenti sulle eventuali  responsabilita'
riscontrate a carico di amministratori, pubblici  dipendenti,  liberi
professionisti  o  imprese.  Il   collegio   informa   l'   autorita'
giudiziaria nel caso in cui dall'indagine emergano indizi di reato  o
estremi per l'applicazione della legge 31  maggio  1965,  n.  575,  e
successive modificazioni . 3-sexies.  Sulla  base  delle  indicazioni
formulate dal collegio degli ispettori a  conslusione  dell'indagine,
l'amministrazione o l'ente interessato  adottano  tutti  i  necessari
provvedimenti  e,  se  ricorrono  gravi  motivi,   possono   disporre
d'autorita' la revoca della gara di  appalto  o  la  rescissione  del
contratto  d'appalto.  In  tal  caso,  al  fine  di   garantire   che
l'esecuzione dell 'opera pubblica, della  pubblica  fornitura  o  del
pubblico servizio non abbia  a  subire  pregiudizio  alcuno,  possono
avvalersi dell'unita' specializzata di cui al comma 1. 
  3-septies. L'eventuale ricorso contro il provvedimento  adottato  a
norma del comma 3- sexies non ne sospende l'esecuzione. 
  3-octies. Nella regione Trentino-Alto Adige, alle finalita 'del del
presente articolo provvedono le province  autonome  di  Trento  e  di
Bolzano nell'ambito della propria organizzazione. ))