DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151

Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. (11G0193)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 07/10/2011 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 12/09/2014)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 31-10-2013
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2 
 
                 Finalita' ed ambito di applicazione 
 
  1. Il presente  regolamento  individua  le  attivita'  soggette  ai
controlli di prevenzione incendi e disciplina, per  il  deposito  dei
progetti, per l'esame dei  progetti,  per  le  visite  tecniche,  per
l'approvazione di deroghe a specifiche normative, la  verifica  delle
condizioni  di  sicurezza  antincendio  che,  in  base  alla  vigente
normativa, sono attribuite alla competenza del  Corpo  nazionale  dei
vigili del fuoco. 
  2. Nell'ambito di applicazione del presente  regolamento  rientrano
tutte le attivita'  soggette  ai  controlli  di  prevenzione  incendi
riportate nell'Allegato I del presente regolamento. 
  3. Le attivita' sottoposte ai controlli di prevenzione  incendi  si
distinguono nelle categorie A, B e C, come individuate  nell'Allegato
I in relazione alla dimensione dell'impresa, al settore di attivita',
alla esistenza di specifiche regole tecniche, alle esigenze di tutela
della pubblica incolumita'. 
  4. L'elenco delle attivita' soggette ai controlli di prevenzione di
cui all'Allegato I del presente regolamento e' soggetta a  revisione,
in relazione  al  mutamento  delle  esigenze  di  salvaguardia  delle
condizioni di sicurezza antincendio. 
  5. La revisione dell'elenco delle attivita' soggette  ai  controlli
di prevenzione incendi, di cui  all'Allegato  I,  e'  effettuata  con
decreto  del  Presidente  della  Repubblica,  da  emanare   a   norma
dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto  1988,  n.  400,  su
proposta del Ministro  dell'interno,  sentito  il  Comitato  centrale
tecnico-scientifico per la prevenzione incendi. 
  6.  Sono  escluse  dall'ambito   di   applicazione   del   presente
regolamento  le  attivita'  industriali  a   rischio   di   incidente
rilevante, soggette alla presentazione del rapporto di  sicurezza  di
cui all'articolo 8 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334,  e
successive modificazioni. ((3)) 
  7. Al fine di garantire l'uniformita' delle procedure,  nonche'  la
trasparenza  e  la  speditezza  dell'attivita'   amministrativa,   le
modalita'  di  presentazione  delle  istanze  oggetto  del   presente
regolamento  e  la  relativa  documentazione,   da   allegare,   sono
disciplinate con decreto del Ministro dell'interno. 
  8. Con il decreto del Ministro  dell'interno  di  concerto  con  il
Ministro dell'economia e delle  finanze  previsto  dall'articolo  23,
comma 2, del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, sono stabiliti
i corrispettivi per i servizi di prevenzione incendi  effettuati  dal
Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (3) 
  Il D.L. 31 agosto 2013, n. 101, convertito con modificazioni  dalla
L. 30 ottobre 2013, n. 125, ha disposto (con l'art. 8, comma  7)  che
"A decorrere dal 1° gennaio 2014, le disposizioni di cui  al  decreto
del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n.151,  si  applicano
anche agli stabilimenti soggetti alla presentazione del  rapporto  di
sicurezza di cui all'articolo 8 del  decreto  legislativo  17  agosto
1999, n. 334".