REGIO DECRETO-LEGGE 16 maggio 1926, n. 895

Proroga dei termini assegnati dall'art. 2 del R. decreto-legge 22 maggio 1924, n. 751, per il riordinamento degli usi civici nel Regno. (026U0895)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/06/1926
Regio Decreto-Legge convertito dalla L. 16 giugno 1927, n. 1766 (in G.U. 03/10/1927, n. 228).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 22/12/2008)
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 20-6-1926
al: 15-12-2009
aggiornamenti all'articolo
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Visto  il  R.  decreto-legge  22  maggio  1924,  n.  751,  per   il
riordinamento degli usi civici nel Regno, col quale all'articolo 2 e'
stabilito il termine di due  anni  dalla  pubblicazione  del  decreto
stesso per la presentazione delle istanze  relative  all'accertamento
ed alla liquidazione degli usi civici; 
 
  Ritenuta la necessita' di prorogare tale termine per  assicurare  e
garentire gl'interessi gravissimi  delle  popolazioni  connessi  alle
operazioni di accertamento e liquidazione di tali usi; 
 
  Vista la legge 31 gennaio 1926, n. 100, sulla facolta'  del  potere
escutivo di emanare norme giuridiche; 
 
  Ritenuta l'urgenza del provvedimento; 
 
  Sulla  proposta  del  Nostro  Ministro  Segretario  di  Stato   per
l'economia nazionale, di concerto col Ministro per la giustizia e gli
affari di culto; 
 
  Udito il Consiglio dei Ministri; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
  Il termine stabilito dall'art. 2 del  R.  decreto-legge  22  maggio
1924, n. 751, e' prorogato di un anno. 
 
  Il presente decreto sara'  presentato  al  Parlamento  per  la  sua
conversione in legge. Il  Ministro  proponente  e'  autorizzato  alla
presentazione del relativo disegno di legge. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 16 maggio 1926. 
 
                         VITTORIO EMANUELE. 
 
                                        Mussolini - Belluzzo - Rocco. 
 
  Visto, il Guardasigilli: Rocco. 
 
    Registrato alla Corte dei conti, addi' 4 giugno 1926. 
 
    Atti del Governo, registro 249, foglio 21. - Coop