REGIO DECRETO 31 dicembre 1893, n. 716

Che autorizza una prelevazione di somme dal fondo di riserva per le spese impreviste, da portare in aumento al bilancio passivo per l'esercizio finanziario 1892-94 del Ministero del Tesoro, cap. n. 146 quater. (093U0716)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 30/01/1894 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 30-1-1894
al: 15-12-2010
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
 
                             UMBERTO I. 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Visto l'art. 38 del testo unico della legge sull'Amministrazione  e
sulla contabilita' generale dello Stato, approvato con R. decreto  17
febbraio 1884 n. 2016; 
 
  Visto che sul fondo di riserva per le spese  impreviste,  inscritto
in L. 1,000,000 nello stato di previsione della spesa  del  Ministero
del Tesoro per l'esercizio finanziario 1893-94, in conseguenza  delle
prelevazioni gia' autorizzate in L. 949,950.49, rimane disponibile la
somma di lire 50,049.51; 
 
  Sentito il Consiglio dei Ministri; 
 
  Sulla proposta del Nostro  Ministro  Segretario  di  Stato  per  le
Finanze, interim del Tesoro; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Dal fondo di riserva per le spese impreviste, inscritte al capitolo
n. 123 dello stato di previsione della spesa del Ministero del Tesoro
per  l'esercizio  finanziario  1893-94,  e'   autorizzata   una   25ª
prelevazione  nella  somma  di  lire  trentamila  (L.   30,000),   da
inscriversi ad un  nuovo  capitolo  col  n.  146  quater,  e  con  la
denominazione: «Spese di missioni ed altre inerenti  alle  formalita'
richieste per i pagamenti all'estero delle rendite  italiane»,  dello
stato di  previsione  della  spesa  del  Ministero  medesimo  per  il
corrente esercizio. 
 
  Questo decreto sara' presentato al Parlamento per essere convertito
in legge. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 31 dicembre 1893. 
 
                              UMBERTO. 
 
                                                      Sidney Sonnino. 
 
  Visto, Il Guardasigilli: V. Calenda di Tavani.