REGIO DECRETO 21 dicembre 1873, n. 1757

Vengono fatte alcune modificazioni al Ruolo normale degli Impiegati e Serventi del Collegio di musica di Napoli. (073U1757)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 31/01/1874 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/01/2011)
  • Articoli
  • 1
  • Allegati
Testo in vigore dal: 31-1-1874
al: 9-2-2011
aggiornamenti all'articolo
 
                        VITTORIO EMANUELE II 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Visto il Nostro decreto del 23 gennaio 1873 num. 1244  (Serie  2ª),
col quale fu riformato il ruolo normale del personale del Collegio di
musica di Napoli; 
 
  Visto il bilancio di prima previsione  del  Ministero  di  pubblica
Istruzione e per l'anno 1874; 
 
  Visto che nel detto bilancio e'  stato  operato  il  trasporto  dal
capitolo 24 al capitolo 23 della somma di lire 8180,  allo  scopo  di
ritornare a carico dello Stato il pagamento degli stipendi di  alcuni
impiegati, i quali in forza del ruolo sopra citato erano  pagati  coi
fondi patrimoniali del suddetto Collegio; 
 
  Sulla proposta del Nostro  Ministro  Segretario  di  Stato  per  la
Pubblica Istruzione, 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Gli stipendi degli impiegati  del  Collegio  di  musica  di  Napoli
indicati nella tabella annessa al presente decreto e firmata d'ordine
Nostro dal predetto Ministro per la Pubblica  Istruzione,  cesseranno
dal 1° gennaio 1874 di  essere  pagati  coi  fondi  patrimoniali  del
Collegio medesimo  e  passeranno  dalla  stessa  data  a  carico  del
bilancio del Ministero per la Pubblica Istruzione. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 21 dicembre 1873. 
 
                         VITTORIO EMANUELE. 
 
                                                         A. Scialoja.