REGIO DECRETO 3 maggio 1923, n. 1043

Che stabilisce le competenze dovute ai testimoni, periti, giurati e ufficiali giudiziari e le indennita' spettanti ai magistrati e cancellieri per le trasferte. (023U1043)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 06/06/1923 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 26/01/2011)
Testo in vigore dal: 6-6-1923
al: 30-6-2002
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
 
                              Art. 31. 
 
 
  Sono abrogati: gli articoli 7, comma primo, 8, 9, 13, comma  primo,
14, 15, 16, commi primo, secondo, terzo, quarto e quinto, 18, 20, 21,
22, 23, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32, comma primo, 33, 34, 35,  36,
37, 38, 48, 115, n. 2, 116, 120, 121, 137 e 149  del  R.  decreto  23
dicembre 1865, n. 2701, che approva la tariffa in materia  penale;  i
numeri 378, 379 380, 381, 382, 383, 389, 390, 391, 392, 393, 394, 395
e 396 dei R. decreto 23 dicembre 1865 n. 2700, che approva la tariffa
per gli atti giudiziari in materia civile; la legge 20  luglio  1922,
n. 995 e il R. decreto 15 settembre 1922, n. 1294, nonche'  qualsiasi
altra disposizione contrari al presente decreto. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia insorto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 3 maggio 1923. 
 
                         VITTORIO EMANUELE. 
 
                                   MUSSOLINI - OVIGLIO - DE' STEFANI. 
 
  Visto, il guardasigilli: OVIGLIO.