LEGGE 2 agosto 2008, n. 129

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97, recante disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonche' in materia fiscale e di proroga di termini.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 3/8/2008
  • Articoli
  • 1
  • Allegati
Testo in vigore dal: 3-8-2008
attiva riferimenti normativi
    La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della Repubblica hanno
approvato;

                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


                              Promulga

la seguente legge:
                               Art. 1.

    1.  Il  decreto-legge  3 giugno 2008, n. 97, recante disposizioni
urgenti  in  materia  di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di
allocazione  della  spesa  pubblica,  nonche' in materia fiscale e di
proroga  di  termini,  e'  convertito  in  legge con le modificazioni
riportate in allegato alla presente legge.
    2.  Restano  validi  gli  atti  e i provvedimenti adottati e sono
fatti  salvi  gli  effetti  prodottisi  ed i rapporti giuridici sorti
sulla base dell'articolo 1 del decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97.
    3  .  Restano  validi  gli atti e i provvedimenti adottati e sono
fatti  salvi  gli  effetti  prodottisi  ed i rapporti giuridici sorti
sulla base del decreto-legge 30 giugno 2008, n. 113.
    4.  Restano  validi  gli  atti  e i provvedimenti adottati e sono
fatti  salvi  gli  effetti  prodottisi  ed i rapporti giuridici sorti
sulla base del decreto-legge 3 luglio 2008, n. 114.
    5.  La  presente  legge  entra  in  vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
    La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
      Data a Roma, addi' 2 agosto 2008

                             NAPOLITANO

                                 Berlusconi, Presidente del Consiglio
                                 dei Ministri
                                 Tremonti,  Ministro  dell'economia e
                                 delle finanze
Visto, il Guardasigilli: Alfano