LEGGE 27 dicembre 2007, n. 246

Partecipazione italiana alla ricostituzione delle risorse di Fondi e Banche internazionali.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 12/1/2008 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/03/2019)
Testo in vigore dal: 25-5-2019
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 12. 
  1. A decorrere  dall'anno  2006,  una  parte  delle  disponibilita'
finanziarie di pertinenza dell'Italia esistenti  sui  conti  speciali
CEE, costituite dai rimborsi e  dagli  utili  netti  derivanti  dalle
operazioni di prestito e di investimenti effettuate nell'ambito delle
Convenzioni  di  Yaounde'  e  Lome'  dalla  Banca  europea  per   gli
investimenti nei Paesi dell'Africa,  Caraibi  e  Pacifico,  a  valere
sulle risorse del Fondo europeo di sviluppo, alimentato da contributi
gia'  erogati  dallo  Stato  a  fondo  perduto,   potranno   affluire
annualmente all'entrata del bilancio dello Stato. Le suddette risorse
finanziarie saranno riassegnate ad apposita  unita'  previsionale  di
base dello stato di previsione del Ministero  dell'economia  e  delle
finanze  e  utilizzate  per  il  finanziamento   di   iniziative   di
cooperazione allo sviluppo di tipo multilaterale e nell'ambito  delle
Istituzioni finanziarie internazionali. 
  2. L'esatto ammontare delle risorse di cui al comma 1 sara'  deciso
ogni anno dal Ministro dell'economia e delle finanze,  ((fino  al  70
per cento delle risorse residue nel conto nell'anno considerato)). 
  3. Il Ministro dell'economia e delle finanze presentera' ogni  anno
una relazione  al  Parlamento  sulle  iniziative  finanziate  con  le
risorse di cui al comma 2.