LEGGE 19 marzo 2001, n. 92

Modifiche alla normativa concernente la repressione del contrabbando di tabacchi lavorati.

note: Entrata in vigore della legge: 19-4-2001 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 03/10/2006)
Testo in vigore dal: 29-11-2006
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 3
              Custodia di tabacchi lavorati sequestrati

  1.  Salvo  il compimento delle operazioni previste dall'articolo 6,
comma  2, del decreto-legge 30 dicembre 1991, n. 417, convertito, con
modificazioni,  dalla  legge  6 febbraio 1992, n. 66, come sostituito
dall'articolo  7 della presente legge, quando il decreto di sequestro
o   di   convalida   del   sequestro   di  tabacchi  lavorati  emesso
dall'autorita'  giudiziaria  non  e'  piu'  assoggettabile a riesame,
l'autorita'  giudiziaria  ordina  la distruzione del tabacco lavorato
sequestrato   e   dispone   il  prelievo  di  uno  o  piu'  campioni,
determinandone  l'entita',  con  l'osservanza delle formalita' di cui
all'articolo  364  del  codice  di  procedura  penale.  La competente
autorita'  giudiziaria puo' autorizzare la consegna di un campione ai
produttori nazionali ed esteri.
  ((   1-bis.  Al  fine  del  contenimento  dei  costi  necessari  al
mantenimento  dei reperti, l'amministrazione competente alla custodia
dei  tabacchi  lavorati,  decorso  un anno dal momento del sequestro,
procede   alla  distruzione  dei  prodotti,  previa  campionatura  da
effettuare  secondo  modalita'  definite  con  decreto  del Ministero
dell'economia  e  delle  finanze,  di concerto con il Ministero della
giustizia,  da emanare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore
della presente norma. ))
  2.  Sono  abrogate  le  disposizioni di cui all'articolo 47-bis del
decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41, convertito, con modificazioni,
dalla legge 22 marzo 1995, n. 85.