LEGGE 5 ottobre 1993, n. 409

Integrazione dell'intesa tra il Governo della Repubblica italiana e la Tavola valdese, in attuazione dell'articolo 8, terzo comma, della Costituzione.

note: Entrata in vigore della legge: 26-10-1993 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 19/06/2009)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 19-6-2009
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4 
           Ripartizione della quota del gettito dell'IRPEF 
 
  1. A decorrere dal periodo di imposta in corso alla data di entrata
in vigore della presente legge, la Tavola  valdese  concorre  con  lo
Stato, con i soggetti di cui agli articoli 47 della legge  20  maggio
1985, n. 222, 30 della legge 22 novembre 1988, n.  516,  e  23  della
legge 22 novembre 1988, n. 517,  e  con  gli  enti  che  stipuleranno
analoghi accordi, alla ripartizione della  quota  pari  all'otto  per
mille  dell'IRPEF,  liquidata   dagli   uffici   sulla   base   delle
dichiarazioni  annuali.  La  Tavola  valdese  utilizzera'  le   somme
devolute a tale titolo dai contribuenti esclusivamente per interventi
sociali, assistenziali, umanitari e culturali in Italia e  all'estero
sia direttamente, attraverso gli enti aventi  parte  nell'ordinamento
valdese, sia attraverso organismi associativi ed ecumenici a  livello
nazionale e internazionale. 
  2. L'attribuzione delle somme di cui al comma  1  viene  effettuata
sulla  base  delle  scelte  espresse  dai  contribuenti  in  sede  di
dichiarazione  annuale  dei  redditi,  nel  cui  modulo   le   Chiese
rappresentate  dalla  Tavola  valdese  verranno   indicate   con   la
denominazione  "Chiesa  evangelica  valdese  (Unione   delle   Chiese
metodiste e valdesi)". 
  ((3. L'attribuzione alla Tavola valdese  delle  somme  relative  ai
contribuenti  che  non  abbiano  espresso  alcuna  preferenza  verra'
effettuata in proporzione alle scelte espresse)).((1)) 
  4. A decorrere dal terzo anno successivo a quello di cui  al  comma
1, lo Stato corrispondera' annualmente, entro il mese di giugno, alla
Tavola valdese la somma risultante  dall'applicazione  del  comma  1,
calcolata dagli uffici  finanziari  sulla  base  delle  dichiarazioni
annuali  relative  al  terzo  periodo   d'imposta   precedente,   con
destinazione alle Chiese rappresentate dalla Tavola valdese. 
  5. La Tavola valdese, entro il mese di luglio dell'anno  successivo
a  quello  di  esercizio,  trasmette  al  Ministro  dell'interno   un
rendiconto relativo alla utilizzazione delle somme ricevute per  fini
di cui al comma 1 e ne diffonde adeguata informazione. 
  6. Il rendiconto di cui al comma 5 dovra' precisare gli  interventi
effettuati in Italia e all'estero ed i soggetti  attraverso  i  quali
tali interventi siano stati eventualmente operati, con specificazione
delle somme attribuite a ciascun intervento. 
  7. Il Ministro dell'interno, entro trenta  giorni  dal  ricevimento
del rendiconto di cui ai commi 5 e 6, ne trasmette copia, con propria
relazione, ai Ministri del tesoro e delle finanze. 
    
---------------

    
AGGIORNAMENTO (1) 
  La L. 8 giugno 2009, n. 68 ha disposto (con l'art. 3, comma 1)  che
"La  modifica  alla  legge  5  ottobre  1993,  n.   409,   introdotta
dall'articolo 2, decorre dal periodo d'imposta in corso alla data  di
entrata in vigore della presente legge."