LEGGE 26 febbraio 1992, n. 211

Interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa.

note: Entrata in vigore della legge: 21-3-1992 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 03/08/2002)
Testo in vigore dal: 13-1-1993
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 6. 
  1. Ferme restando  le  competenze  di  cui  al  testo  unico  delle
disposizioni di legge per le ferrovie concesse all'industria privata,
le tramvie a trazione meccanica e gli automobili, approvato con regio
decreto 9 maggio 1912, n. 1447, e successive modificazioni,  ai  fini
dell'attuazione degli interventi di cui alla  presente  legge  e  per
l'esercizio delle competenze di alta sorveglianza sulla esecuzione di
lavori, e' costituita  una  commissione  di  vigilanza,  composta  da
cinque  membri,  nominata,  d'intesa  tra  loro,  dal  Ministro   dei
trasporti e dal Ministro per i problemi delle aree urbane,  integrata
con un esperto designato dal comune interessato  al  progetto.  Fanno
parte della commissione: un consigliere di Stato o un avvocato  dello
Stato, con funzioni di presidente, due membri in  rappresentanza  del
Ministro dei trasporti e due membri in  rappresentanza  del  Ministro
per i problemi delle aree urbane. Per tutte le attivita' di  supporto
tecnico-amministrativo, il Ministro dei trasporti ed il Ministro  per
i problemi delle aree urbane  possono  avvalersi,  nell'ambito  delle
rispettive   competenze,   dell'apporto    collaborativo    di    una
organizzazione  tecnico-professionale  che   abbia   maturato   nello
specifico settore significative esperienze di supporto ed  assistenza
a pubbliche amministrazioni. (( Per le finalita' di cui  al  presente
articolo e' autorizzata la spesa di lire  5  miliardi  per  il  1994,
intendendosi corrispondentemente ridotta l'autorizzazione di spesa di
cui all'articolo 11 )).