LEGGE 22 novembre 1988, n. 516

Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno.

note: Entrata in vigore della legge: 17-12-1988 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 19/06/2009)
Testo in vigore dal: 17-12-1988
                               Art. 29.
   1.  La  Repubblica  italiana prende atto che l'Unione delle Chiese
cristiane avventiste si sostiene finanziariamente  con  i  contributi
volontari  dei  suoi  fedeli,  che  consistono  nelle  decime e nelle
offerte.
   2.  A  decorrere  dal  periodo  d'imposta  1989 le persone fisiche
possono  dedurre  dal  proprio  reddito  complessivo,  agli   effetti
dell'imposta   sul  reddito  delle  persone  fisiche,  le  erogazioni
liberali in denaro, fino all'importo di lire due  milioni,  a  favore
dell'Unione   delle   Chiese   cristiane   avventiste,  destinate  al
sostentamento dei ministri di culto e dei missionari ed a  specifiche
esigenze di culto e di evangelizzazione.
   3.Le  relative modalita' sono determinate con decreto del Ministro
delle finanze.