LEGGE 11 marzo 1988, n. 67

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 1988).

note: Entrata in vigore della legge: 14-3-1988 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2021)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 4-5-1989
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 22. 
 
  1.  I  contributi  di  cui  al  primo  comma,  lettere  b)  e   c),
dell'articolo 10 della legge 14 febbraio 1963,  n.  60,  sono  dovuti
fino al periodo di paga in corso al 31 dicembre 1992. 
  2. Per l'anno 1988, i contributi dovuti con riferimento ai  periodi
di paga decorrenti dal 1 gennaio  1988  sono  riversati  dalla  Cassa
depositi e prestiti all'entrata del bilancio dello Stato nella misura
di lire 1.250 miliardi. Per l'anno 1989, e sino al  1992,  essi  sono
riversati all'entrata del bilancio dello Stato nella misura  di  lire
1.000 miliardi annui. Le quote residue restano assegnate all'edilizia
residenziale  pubblica  per  la  costruzione  di  abitazioni  per   i
lavoratori dipendenti, con  una  riserva  del  70  per  cento  per  i
territori del Mezzogiorno. ((8)) 
  3.  Per  la  concessione,  in  favore   delle   imprese   edilizie,
cooperative e relativi consorzi, dei contributi di  cui  all'articolo
16 della legge 5 agosto 1978, n.  457,  per  interventi  di  edilizia
agevolata, ivi compresi i programmi di recupero di  cui  all'articolo
1, primo comma, lettera b), della medesima legge n. 457 del 1978,  e'
autorizzato il limite di impegno di lire 150  miliardi  per  ciascuno
degli anni dal 1988 al 1990. Nell'ambito del limite di impegno di cui
al presente comma relativo al  1989  una  quota  di  50  miliardi  e'
destinata alle finalita' e con le modalita' di  cui  al  comma  7-bis
dell'articolo 3 del decreto-legge 7 febbraio 1985, n. 12, convertito,
con modificazioni, dalla legge 5 aprile 1985, n. 118. 
 
    
-----------------

    
AGGIORNAMENTO (8) 
  La Corte Costituzionale, con sentenza 13-26 aprile 1989, n. 241 (in
G.U.  1a  s.s.  3/5/1989,  n.  18)  ha  dichiarato   l'illegittimita'
costituzionale del comma 2 del presente articolo "nella parte in  cui
non assegna all'edilizia residenziale pubblica, per la costruzione di
abitazioni per i lavoratori dipendenti, l'intero gettito - e  non  le
sole quote residue - dei contributi dovuti ai sensi del primo  comma,
lettere b) e c) dell'articolo 10 della legge  14  febbraio  1963,  n.
60".