LEGGE 23 dicembre 1986, n. 899

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 ottobre 1986, n. 708, recante misure urgenti per fronteggiare l'eccezionale carenza di disponibilita' abitative.

  • Articoli
  • 1
  • 2
Testo in vigore dal: 28-12-1986
                               Art. 2.

  1.  L'articolo  45 della legge 5 agosto 1978, n. 457, e' sostituito
dal seguente:
  "Art.  45.  -  1. Gli immobili realizzati senza il contributo dello
Stato  su  aree  in diritto di superficie o in diritto di proprieta',
nell'ambito  dei  piani  di zona di cui alla legge 18 aprile 1962, n.
167,  e  successive  modificazioni  ed integrazioni, ivi compresi gli
immobili  con destinazioni non residenziali, possono essere ceduti ad
enti  pubblici,  a  societa'  assicurative, nonche' ad altri soggetti
pubblici  e  privati,  anche  in  deroga a disposizioni legislative e
statutarie.
  2.  In  tali  casi  e'  fatto  obbligo agli acquirenti di locare le
abitazioni  esclusivamente  a  soggetti aventi i requisiti prescritti
dalle convenzioni ed ai canoni ivi indicati.
  3. Per gli alloggi fruenti di mutuo agevolato ceduti o da cedersi a
comuni  o  ad  altri  enti  pubblici  allo  scopo  di destinarli alla
locazione  in  favore  degli  sfrattati,  non  opera anche in caso di
mancato  subentro  nell'agevolazione  la  decadenza dal contributo di
preammortamento".

  La  presente  legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita
nella  Raccolta  ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.

  Data a Roma, addi' 23 dicembre 1986

                               COSSIGA

                              CRAXI,  Presidente  del  Consiglio  dei
                                Ministri

Visto, il Guardasigilli: ROGNONI