LEGGE 26 ottobre 1971, n. 1099

Tutela sanitaria delle attivita' sportive.

Testo in vigore dal: 22-3-1972
attiva riferimenti normativi
                               Art. 2.

  La    tutela   sanitaria   si   esplica   mediante   l'accertamento
obbligatorio,   con  visite  mediche  di  selezione  e  di  controllo
periodico,  dell'idoneita' generica e della attitudine di chi intende
svolgere  o  svolge  attivita' agonistico sportive. Le visite mediche
sono  gratuite,  tranne  per  coloro  che  svolgono professionalmente
attivita' agonistica.
  Con  decreto  del  Ministro  per  la  sanita',  sentito il Comitato
olimpico  nazionale  italiano,  vengono emanate, entro sei mesi dalla
data  di  pubblicazione  della presente legge, le norme regolamentari
volte  a  disciplinare  le modalita' di esercizio della tutela per le
singole  attivita' sportive, con particolare riferimento all'eta', al
sesso  ed alla qualifica dilettantistica o professionistica di coloro
che  praticano le rispettive attivita', nonche' a prevedere i casi in
cui  sono obbligatorie le visite prima e dopo le gare in relazione al
rischio ed al carico al quale viene sottoposto l'atleta.
  I  contravventori alle disposizioni contenute nel decreto di cui al
precedente  comma  sono  puniti,  indipendentemente dalle sanzioni di
carattere sportivo, con l'ammenda da lire 50.000 a lire 500.000.
  Gli  organi  sanitari  designati  dalla  Regione e, sino al termine
stabilito  nel  secondo  comma dell'articolo 1, i medici provinciali,
possono  affidare  il  compito di effettuare le visite agli ufficiali
sanitari, ai medici condotti, ai medici scolastici ed ai medici della
Federazione  medico-sportiva  italiana proposti dal Comitato olimpico
nazionale  italiano, incaricando in linea prioritaria e preferenziale
i sanitari che hanno una qualificazione in campo medico-sportivo.
  Con  decreto  del  Ministro  per  la  sanita',  da pubblicare nella
Gazzetta  Ufficiale della Repubblica, sara' stabilito il compenso per
le  visite  di  cui  al  presente articolo e per i prelievi di cui al
successivo articolo 5.