LEGGE 25 maggio 1970, n. 352

Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/09/2021)
vigente al 29/11/2021
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-4-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 15. 
 
  Il  referendum  e'  indetto  con  decreto  del   Presidente   della
Repubblica,  su  deliberazione  del  Consiglio  dei  Ministri,  entro
sessanta giorni  dalla  comunicazione  dell'ordinanza  che  lo  abbia
ammesso. ((13)) 
  La data del referendum e' fissata in una domenica compresa  tra  il
50° ed il 70°  giorno  successivo  alla  emanazione  del  decreto  di
indizione. 
  Qualora sia intervenuta la pubblicazione a norma  dell'articolo  3,
del testo di un'altra legge di  revisione  della  Costituzione  o  di
un'altra legge costituzionale, il Presidente  della  Repubblica  puo'
ritardare, fino a sei mesi oltre il termine previsto dal primo  comma
del presente articolo, la indizione del referendum, in modo che i due
referendum costituzionali si svolgano  contemporaneamente  con  unica
convocazione degli elettori per il medesimo giorno. 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (13) 
  Il D.L. 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla L.
24 aprile 2020, n. 27, ha disposto (con l'art. 81, comma 1)  che  "In
considerazione dello stato  di  emergenza  sul  territorio  nazionale
relativo al rischio sanitario connesso  all'insorgenza  di  patologie
derivanti da agenti virali trasmissibili, dichiarato con la  delibera
del Consiglio dei ministri del  31  gennaio  2020,  pubblicata  nella
Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1° febbraio 2020,  in  deroga  a  quanto
previsto dall'articolo 15, primo comma, della legge 25  maggio  1970,
n.  352,  il  termine  entro  il  quale  e'  indetto  il   referendum
confermativo del testo di legge costituzionale,  recante:  «Modifiche
agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di  riduzione
del numero dei parlamentari», pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale,
Serie  Generale,  n.  240  del  12  ottobre  2019,  e'   fissato   in
duecentoquaranta giorni dalla comunicazione dell'ordinanza che lo  ha
ammesso".