DECRETO LEGISLATIVO 10 settembre 2003, n. 276

Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30.

note: Entrata in vigore del decreto: 24-10-2003 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 17/03/2020)
Testo in vigore dal: 1-1-2007
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 19
                       Sanzioni amministrative

  1.  Gli  editori,  i direttori responsabili e i gestori di siti sui
quali  siano  pubblicati  annunci in violazione delle disposizioni di
cui  all'articolo  9  sono  puniti  con  una  sanzione amministrativa
pecuniaria da 4.000 a 12.000 euro.
  2. La violazione degli obblighi di cui all'articolo 4-bis, comma 2,
del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, cosi' come modificato
dall'articolo 6, comma 1 del decreto legislativo 19 dicembre 2002, n.
297,  e'  punita  con  la sanzione amministrativa pecuniaria da 250 a
1.500 euro per ogni lavoratore interessato.
  3.  La violazione degli obblighi di cui all'articolo 4-bis, commi 5
e  7,  del  decreto  legislativo  21  aprile 2000, n. 181, cosi' come
modificato  dall'articolo  6,  comma  1,  del  decreto legislativo 19
dicembre  2002,  n.  297,  di  cui  all'articolo  9-bis, comma 2, del
decreto-legge 1° ottobre 1996, n. 510, convertito, con modificazioni,
dalla   legge  28  novembre  1996,  n.  608,  cosi'  come  sostituito
dall'articolo  6,  comma 3, del citato decreto legislativo n. 297 del
2002,  e di cui all'articolo 21, comma 1, della legge 24 aprile 1949,
n.  264,  cosi' come sostituito dall'articolo 6, comma 2, del decreto
legislativo n. 297 del 2002, e' punita con la sanzione amministrativa
pecuniaria da 100 a 500 euro per ogni lavoratore interessato.
  4. La violazione degli obblighi di cui all'articolo 4-bis, comma 4,
del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, cosi' come modificato
dall'articolo  6,  comma 1, del decreto legislativo 19 dicembre 2002,
n.  297,  e' punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a
250 euro per ogni lavoratore interessato.
  5. ((COMMA ABROGATO DALLA L. 27 DICEMBRE 2006, N. 296)).