stai visualizzando l'atto

DECRETO LEGISLATIVO 19 giugno 1997, n. 218

Disposizioni in materia di accertamento con adesione e di conciliazione giudiziale.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-8-1997 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/02/2024)
nascondi
vigente al 17/04/2024
  • Articoli
  • ACCERTAMENTO CON ADESIONE
    E CONCILIAZIONE GIUDIZIALE
    Capo I
    Accertamento con adesione
  • 1
  • 2
  • 3
  • ACCERTAMENTO CON ADESIONE
    E CONCILIAZIONE GIUDIZIALE
    Capo II
    Procedimento per la definizione degli accertamenti nelle imposte
    sui redditi e nell'imposta sul valore aggiunto.
  • 4
  • 5
  • 5 bis
  • 5 ter
  • 5 quater
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 9 bis
  • ACCERTAMENTO CON ADESIONE
    E CONCILIAZIONE GIUDIZIALE
    Capo III
    Procedimento per la definizione
    di altre imposte indirette
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • ACCERTAMENTO CON ADESIONE
    E CONCILIAZIONE GIUDIZIALE
    Capo IV
    Conciliazione giudiziale
  • 14
  • DISPOSIZIONI FINALI
  • 15
  • 15 bis
  • 16
  • 17
Testo in vigore dal:  22-2-2024
aggiornamenti all'articolo

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 3, comma 120, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, recante delega al Governo per l'emanazione di uno o più decreti legislativi per la revisione organica della disciplina dell'accertamento con adesione e della conciliazione giudiziale;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 21 marzo 1997;
Acquisito il parere della commissione parlamentare istituita a norma dell'articolo 3, comma 13, della citata legge n. 662 del 1996;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 13 giugno 1997;
Sulla proposta del Ministro delle finanze, di concerto con i Ministri di grazia e giustizia e del tesoro;

Emana

il seguente decreto legislativo:

Art. 1

Definizione degli accertamenti
((
1. L'accertamento delle imposte sui redditi e dell'imposta sul valore aggiunto, nonché il recupero dei crediti indebitamente compensati non dipendente da un precedente accertamento, possono essere definiti con adesione del contribuente.
))
((23))
2. L'accertamento delle imposte sulle successioni e donazioni, di registro, ipotecaria, catastale
((...))
può essere definito con adesione anche di uno solo degli obbligati, secondo le disposizioni seguenti.
((23))
((
2-bis. Lo schema di atto, comunicato al contribuente ai fini del contraddittorio preventivo previsto dall'articolo 6-bis, comma 3, della legge 27 luglio 2000, n. 212, reca oltre all'invito alla formulazione di osservazioni, anche quello alla presentazione di istanza per la definizione dell'accertamento con adesione, in luogo delle osservazioni. L'invito alla presentazione di istanza per la definizione dell'accertamento con adesione è in ogni caso contenuto nell'avviso di accertamento o di rettifica ovvero nell'atto di recupero non soggetto all'obbligo del contraddittorio preventivo.
))
((23))
---------------
AGGIORNAMENTO (23)

Il D.Lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 ha disposto (con l'art. 41, comma 2) che "L'articolo 1 si applica con riferimento agli atti emessi dal 30 aprile 2024, mentre le disposizioni di cui al titolo II si applicano a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2023".