DECRETO LEGISLATIVO 31 dicembre 1992, n. 545

Ordinamento degli organi speciali di giurisdizione tributaria ed organizzazione degli uffici di collaborazione in attuazione della delega al Governo contenuta nell'art. 30 della legge 30 dicembre 1991, n. 413.

note: Entrata in vigore del decreto: 15-1-1993 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 07/10/2015)
Testo in vigore dal: 17-7-2011
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 17. 
                            Composizione 
  1.  Il  consiglio  di  presidenza  della  giustizia  tributaria  e'
costituito con decreto del Presidente della Repubblica,  su  proposta
del Ministro delle finanze, ed ha sede in Roma  presso  il  Ministero
delle finanze. 
  2. Il consiglio di presidenza  e'  composto  da  undici  componenti
eletti dai giudici tributari  e  da  quattro  componenti  eletti  dal
Parlamento, due dalla Camera dei deputati  e  due  dal  Senato  della
Repubblica a maggioranza assoluta dei rispettivi  componenti,  tra  i
professori  di  universita'  in  materie  giuridiche  o  i   soggetti
abilitati  alla  difesa  dinanzi  alle  commissioni  tributarie   che
risultino iscritti ai rispettivi albi professionali da almeno  dodici
anni. 
  ((2-bis.  Il  Consiglio  di  Presidenza  elegge  nel  suo  seno  un
presidente tra i componenti eletti dal Parlamento.)) 
  2-ter. I componenti del consiglio  di  presidenza  della  giustizia
tributaria eletti dal Parlamento, finche' sono in carica, non possono
esercitare attivita' professionale in ambito tributario,  ne'  alcuna
altra attivita' suscettibile di interferire  con  le  funzioni  degli
organi di giustizia tributaria. 
  3. I componenti del consiglio di presidenza sono eletti da tutti  i
componenti delle commissioni tributarie provinciali e  regionali  con
voto personale, diretto e segreto, e non sono rieleggibili. 
  4. COMMA ABROGATO DALLA L. 21 NOVEMBRE 2000, N. 342.