DECRETO LEGISLATIVO 6 settembre 1989, n. 322

Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'Istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della legge 23 agosto 1988, n. 400.

note: Entrata in vigore del decreto: 7-10-1989 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 03/12/2020)
Testo in vigore dal: 7-10-1989
                               Art. 3. 
                         Uffici di statistica 
  1. Presso le amministrazioni  centrali  dello  Stato  e  presso  le
aziende autonome sono istituiti  uffici  di  statistica,  posti  alle
dipendenze funzionali dell'ISTAT. 
  2. Gli uffici di statistica sono ordinati anche secondo le esigenze
di carattere tecnico indicate dall'ISTAT. Ad ogni ufficio e' preposto
un dirigente o funzionario designato dal Ministro competente, sentito
il presidente dell'ISTAT. 
  3. Le  attivita'  e  le  funzioni  degli  uffici  statistici  delle
province,  dei  comuni  e  delle  camere  di  commercio,   industria,
artigianato e agricoltura sono regolate dalla legge 16 novembre 1939,
n. 1823, e dalle relative norme di attuazione, nonche'  dal  presente
decreto nella parte applicabile. Entro sei mesi dalla data di entrata
in vigore del presente decreto, gli  enti  locali,  ivi  comprese  le
unita'  sanitarie  locali  che  non  vi  abbiano  ancora  provveduto,
istituiscono l'ufficio di  statistica  anche  in  forma  associata  o
consortile. I comuni con piu' di 100.000  abitanti  istituiscono  con
effetto immediato un ufficio di statistica che fa parte  del  Sistema
statistico nazionale. 
  4.  Gli  uffici  di  statistica  costituiti  presso  le  prefetture
assicurano,  fatte  salve  le  competenze  a  livello  regionale  del
commissario del Governo previste dall'art. 13, comma 1,  lettera  c),
della legge 23 agosto  1988,  n.  400,  anche  il  coordinamento,  il
collegamento e l'interconnessione a livello provinciale di  tutte  le
fonti pubbliche preposte alla raccolta ed alla elaborazione dei  dati
statistici, come individuate dall'ISTAT. 
  5. Gli uffici di statistica di cui ai commi 2, 3 e 4 esercitano  le
proprie attivita' secondo  le  direttive  e  gli  atti  di  indirizzo
emanati dal comitato di cui all'art. 17. 
          Note all'art. 3:
             -  La legge n. 1823/1939 reca: "Istituzione di uffici di
          statistica nei comuni con popolazione di centomila  o  piu'
          abitanti".
             -  Il  testo  dell'art.  13,  comma 1, lettera c), della
          legge n.  400/1988 e' il seguente:
             "1.  Il  commissario  del Governo, oltre ad esercitare i
          compiti di cui all'art. 127  della  Costituzione  e  quelli
          indicati dalle leggi vigenti, in conformita' alle direttive
          del Presidente del Consiglio dei  Ministri  adottate  sulla
          base degli indirizzi del Consiglio dei Ministri:
              (omissis).
               c)   cura   la   raccolta  delle  notizie  utili  allo
          svolgimento  delle  funzioni   degli   organi   statali   e
          regionali,   costituendo   il   tramite   per  l'esecuzione
          dell'obbligo di reciproca informazione nei rapporti con  le
          autorita'  regionali;  fornisce  dati  ed  elementi  per la
          redazione  della  "Relazione  annuale  sullo  stato   della
          pubblica  amministrazione";  agisce d'intesa con l'Istituto
          centrale di  statistica  (ISTAT)  e  avvalendosi  dei  suoi
          uffici  regionali  per la raccolta e lo scambio dei dati di
          rilevanza statistica".