DECRETO-LEGGE 28 ottobre 2020, n. 137

((Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.)) (20G00166)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 29/10/2020
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 18 dicembre 2020, n. 176 (in S.O. n. 43, relativo alla G.U. 24/12/2020, n. 319).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/06/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 23-3-2021
aggiornamenti all'articolo
 
                           Art. 32-quater. 
 
(Contributo in favore  delle  regioni  a  statuto  ordinario  per  il
ristoro  delle  categorie  soggette  a   restrizioni   in   relazione
                     all'emergenza da COVID-19). 
 
  1. Fermi restando gli obiettivi di finanza  pubblica  a  carico  di
ciascuna regione a statuto ordinario di  cui  all'articolo  1,  comma
841, lettera b), della legge 30 dicembre 2018, n. 145,  e'  assegnato
alle regioni a statuto ordinario un contributo per l'anno 2020 di 250
milioni  di  euro  ripartito  secondo  la  tabella  A,  destinato  al
finanziamento delle quote capitale dei debiti finanziari in  scadenza
nell'anno 2020. Il contributo non concorre  alla  determinazione  del
saldo di cui al comma 466 dell'articolo 1  della  legge  11  dicembre
2016, n. 232. Le risorse conseguentemente liberate sono destinate  al
ristoro  delle  categorie  soggette  a   restrizioni   in   relazione
all'emergenza da  COVID-19  o  riversate  al  bilancio  dello  Stato,
qualora i ristori stessi non siano assegnati  entro  il  31  dicembre
2020. Le variazioni di bilancio riguardanti l'utilizzo delle  risorse
trasferite  dal  bilancio  dello  Stato  connesse  all'emergenza   da
COVID-19 possono essere stabilite dalle regioni sino al  31  dicembre
2020 con delibera della giunta. Ai relativi oneri, pari a 250 milioni
di euro per l'anno 2020 in termini di saldo netto da finanziare  e  a
250 milioni di euro per  l'anno  2021  in  termini  di  fabbisogno  e
indebitamento netto, si provvede ai sensi dell'articolo 34. 
 
    

+===================================================================+
|                               Tabella A                           |
+=======================+======================+====================+
|                       |                      |     Riparto del    |
|                       |                      |  contributo per la |
|Regioni                |Percentuale di riparto|riduzione del debito|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Abruzzo                |                 3,16%|        7.906.447,37|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Basilicata             |                 2,50%|        6.246.447,37|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Calabria               |                 4,46%|       11.151.447,37|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Campania               |                10,54%|       26.349.605,26|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Emilia-Romagna         |                 8,51%|       21.266.447,37|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Lazio                  |                11,70%|       29.258.289,47|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Liguria                |                 3,10%|        7.751.973,68|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Lombardia              |                17,48%|       43.706.315,79|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Marche                 |                 3,48%|        8.705.921,05|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Molise                 |                 0,96%|        2.393.026,32|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Piemonte               |                 8,23%|       20.568.026,32|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Puglia                 |                 8,15%|       20.381.710,53|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Toscana                |                 7,82%|       19.543.289,47|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Umbria                 |                 1,96%|        4.905.131,58|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|Veneto                 |                 7,95%|       19.865.921,05|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
|               TOTALE  |               100,00%|      250.000.000,00|
+-----------------------+----------------------+--------------------+
    
  ((2. Per l'anno 2021 e' assegnato alle Regioni a statuto  ordinario
un contributo di 110 milioni  di  euro  destinato  al  ristoro  delle
categorie  soggette  a  restrizioni  in  relazione  all'emergenza  da
COVID-19, ripartito  secondo  gli  importi  indicati  nella  seguente
tabella. 
    

Tabella


=====================================================================
|                     |                      |  RIPARTO CONTRIBUTO  |
|        REGIONE      |PERCENTUALE DI RIPARTO|         2021         |
+=====================+======================+======================+
|Abruzzo              |                 3,16%|             3.500.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Basilicata           |                 2,50%|             2.750.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Calabria             |                 4,46%|             4.900.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Campania             |                10,54%|            11.600.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Emilia- Romagna      |                 8,51%|             9.350.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Lazio                |                11,70%|            12.850.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Liguria              |                 3,10%|             3.400.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Lombardia            |                17,48%|            19.250.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Marche               |                 3,48%|             3.850.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Molise               |                 0,96%|             1.050.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Piemonte             |                 8,23%|             9.050.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Puglia               |                 8,15%|             8.950.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Toscana              |                 7,82%|             8.600.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Umbria               |                 1,96%|             2.150.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|Veneto               |                 7,95%|             8.750.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+
|TOTALE               |               100,00%|           110.000.000|
+---------------------+----------------------+----------------------+))
    
  3. All'onere derivante dal comma 2, pari a 110 milioni di euro,  si
provvede  mediante  corrispondente  riduzione  del   Fondo   di   cui
all'articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, come
rifinanziato dall'articolo 34, comma 6, del presente decreto.