DECRETO-LEGGE 10 maggio 2020, n. 29

Misure urgenti in materia di detenzione domiciliare o differimento dell'esecuzione della pena, nonche' in materia di sostituzione della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari, per motivi connessi all'emergenza sanitaria da COVID-19, di persone detenute o internate per delitti di criminalita' organizzata ((di tipo terroristico o mafioso)), o per delitti di associazione a delinquere legati al traffico di sostanze stupefacenti o per delitti commessi avvalendosi delle condizioni ((o al fine di agevolare l'associazione mafiosa o con finalita' di terrorismo)), nonche' di detenuti e internati sottoposti al regime previsto dall'articolo 41-bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, nonche', infine, in materia di colloqui con i congiunti o con altre persone cui hanno diritto i condannati, gli internati e gli imputati. (20G00047)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 11/05/2020 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/06/2020)
vigente al 28/09/2020
Testo in vigore dal: 30-6-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 1 
 
   ((PROVVEDIMENTO ABROGATO DALLA L. 25 GIUGNO 2020, N. 70)) ((2)) 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (1) 
  La L. 25 giugno 2020, n. 70 ha disposto (con l'art. 1, comma 3) che
"Restano validi gli atti e i  provvedimenti  adottati  e  sono  fatti
salvi gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla  base
del medesimo decreto-legge 10 maggio 2020, n. 29".