DECRETO-LEGGE 1 ottobre 2015, n. 154

Disposizioni urgenti in materia economico-sociale. (15G00173)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 01/10/2015.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 novembre 2015, n. 189 (in G.U. 30/11/2015, n. 279).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/11/2015)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-10-2015
attiva riferimenti normativi
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' e  urgenza  di  provvedere  al
finanziamento del piano straordinario per il ripristino del decoro  e
della funzionalita' degli edifici scolastici; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' e urgenza  di  intervenire  in
materia di proroga e durata dei programmi di  ristrutturazione  delle
grandi imprese in stato di insolvenza; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' e urgenza di  adottare  misure
finanziarie per interventi nei territori  colpiti  dagli  eccezionali
eventi meteorologici dei giorni 13 e 14 settembre 2015; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri,  adottata  nella
riunione del 29 settembre 2015; 
  Sulla proposta del Presidente del  Consiglio  dei  ministri  e  dei
Ministri dell'economia e delle finanze, del lavoro e delle  politiche
sociali e dello sviluppo  economico,  di  concerto  con  il  Ministro
dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca; 
 
                                EMANA 
 
                     il seguente decreto-legge: 
 
                               Art. 1 
 
Misure urgenti in materia  sociale  per  garantire  il  decoro  degli
                         edifici scolastici 
 
  1. Per la celere prosecuzione degli interventi  relativi  al  piano
straordinario per il ripristino  del  decoro  e  della  funzionalita'
degli edifici scolastici, di cui alla delibera CIPE 30  giugno  2014,
n. 21, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 220  del  22  settembre
2014, e' disposto l'immediato utilizzo delle risorse  gia'  assegnate
dal CIPE nella seduta del 6 agosto 2015, nell'importo di  50  milioni
di euro per l'anno 2015 e di 10 milioni di euro per  l'anno  2016,  a
valere sul Fondo per lo  sviluppo  e  la  coesione  -  programmazione
2014-2020. E' altresi' autorizzata la spesa di ulteriori  50  milioni
di euro per l'anno 2015,  cui  si  provvede  mediante  corrispondente
riduzione del Fondo sociale per l'occupazione e la formazione, di cui
all'articolo  18  del  decreto-legge  29  novembre  2008,   n.   185,
convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2.