DECRETO-LEGGE 18 febbraio 2015, n. 7

Misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale, nonche' proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle Organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione. (15G00019)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/02/2015, ad eccezione dell'art. 15, commi 6-bis e 6-ter che entra in vigore il 1/06/2015.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 17 aprile 2015, n. 43 (in G.U. 20/04/2015, n. 91).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 17/01/2022)
Testo in vigore dal: 31-12-2021
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 8 
 
Disposizioni in materia di garanzie funzionali  e  di  tutela,  anche
  processuale,  del  personale  e  delle  strutture  dei  servizi  di
  informazione per la sicurezza 
 
  1. All'articolo 497, comma 2-bis, del codice di  procedura  penale,
dopo le parole: «di polizia esteri,» sono inserite  le  seguenti:  «i
dipendenti dei servizi di informazione per la sicurezza,» e  dopo  le
parole: «della legge  16  marzo  2006,  n.  146,»  sono  inserite  le
seguenti: «e della legge 3 agosto 2007, n. 124,». 
  2. ((Fino al 31 gennaio 2023)): 
    a) non possono essere  autorizzate,  ai  sensi  dell'articolo  18
della legge 3 agosto 2007, n. 124, condotte previste dalla legge come
reato per le quali non e' opponibile il  segreto  di  Stato  a  norma
dell'articolo 39, comma 11, della medesima legge n. 124 del 2007,  ad
eccezione delle fattispecie di cui agli articoli 270, secondo  comma,
270-ter, 270-quater,  270-quater.1,  270-quinquies,  270-quinquies.1,
302, 306, secondo comma, e 414, quarto comma, del codice penale; 
    b) con le modalita' di cui all'articolo 23, comma 2, della  legge
3 agosto 2007, n. 124, e successive modificazioni,  la  qualifica  di
agente di pubblica sicurezza, con funzione di polizia di prevenzione,
puo' essere attribuita anche al personale delle Forze armate, che non
ne sia gia' in possesso, il quale sia adibito, ai sensi dell'articolo
12 della medesima legge n. 124 del  2007,  al  concorso  alla  tutela
delle strutture e del personale del Dipartimento  delle  informazioni
per  la  sicurezza  (DIS)  o  dei  Servizi  di  informazione  per  la
sicurezza; 
    c) le identita' di copertura, di cui all'articolo  24,  comma  1,
della legge 3 agosto 2007, n. 124, possono  essere  utilizzate  negli
atti dei procedimenti penali di cui all'articolo  19  della  medesima
legge n. 124 del 2007, dandone comunicazione con modalita'  riservate
all'autorita' giudiziaria procedente contestualmente  all'opposizione
della causa di giustificazione; 
    d) fermo restando quanto previsto dall'articolo 497, comma 2-bis,
del codice di procedura penale, l'autorita' giudiziaria, su richiesta
del  direttore  generale  del  DIS  o  dei   direttori   dell'Agenzia
informazioni e sicurezza esterna (AISE) o dell'Agenzia informazioni e
sicurezza interna (AISI), quando sia necessario mantenerne segreta la
reale identita' nell'interesse della sicurezza della Repubblica o per
tutelarne l'incolumita', autorizza gli addetti agli organismi di  cui
agli articoli 4, 6  e  7  della  legge  3  agosto  2007,  n.  124,  e
successive  modificazioni,  a  deporre  in  ogni  stato  o  grado  di
procedimento con identita' di copertura». 
  2-bis. E' affidato all'AISE il compito  di  svolgere  attivita'  di
informazione,  anche  mediante  assetti   di   ricerca   elettronica,
esclusivamente verso l'estero, a protezione degli interessi politici,
militari,  economici,  scientifici  e  industriali  della  Repubblica
italiana.  Il  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  informa  il
Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica  con  cadenza
mensile circa le attivita' di ricerca elettronica.