DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2012, n. 227

Proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione. (12G0250)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 28/12/2012.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 1 febbraio 2013, n. 12 (in G.U. 4/2/2013, n. 29).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 04/02/2013)
  • Articoli

  • Missioni internazionali delle Forze armate e di polizia
  • 1
  • 2
  • orig.
  • 3
  • 4

  • Iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai
    processi di
    ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle
    Organizzazioni
    internazionali per il consolidamento dei processi di
    pace e di
    stabilizzazione
  • 5
  • orig.
  • 6
  • orig.
  • 7

  • Disposizioni finali
  • 8
  • 9
Testo in vigore dal: 28-12-2012
attiva riferimenti normativi
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; 
  Visto il decreto-legge 29 dicembre 2011, n.  215,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13,  recante  proroga
delle missioni  internazionali  delle  Forze  armate  e  di  polizia,
iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno  ai  processi  di
ricostruzione e partecipazione alle iniziative  delle  organizzazioni
internazionali per il  consolidamento  dei  processi  di  pace  e  di
stabilizzazione, nonche' disposizioni urgenti  per  l'Amministrazione
della difesa; 
  Ritenuta  la  straordinaria  necessita'  e   urgenza   di   emanare
disposizioni per  assicurare  la  proroga  della  partecipazione  del
personale delle Forze armate e delle Forze di polizia  alle  missioni
internazionali, iniziative di cooperazione allo sviluppo  e  sostegno
ai processi di ricostruzione e partecipazione alle  iniziative  delle
organizzazioni internazionali per il consolidamento dei  processi  di
pace e di stabilizzazione; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,  adottata  nella
riunione del 22 dicembre 2012; 
  Sulla proposta del Presidente del  Consiglio  dei  Ministri  e  dei
Ministri  degli  affari  esteri,  della  difesa  e  dell'interno,  di
concerto con  i  Ministri  della  giustizia,  dell'economia  e  delle
finanze e per la cooperazione internazionale e l'integrazione; 
 
                                Emana 
                     il seguente decreto-legge: 
 
                               Art. 1 
 
       Missioni internazionali delle Forze armate e di polizia 
 
  1. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 426.617.379  per  la  proroga  della
partecipazione di personale militare alle  missioni  in  Afghanistan,
denominate International Security Assistance Force  (ISAF)  ed  EUPOL
AFGHANISTAN, di cui all'articolo 1, comma  1,  del  decreto-legge  29
dicembre 2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge  24
febbraio 2012, n. 13. 
  2. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 118.540.833  per  la  proroga  della
partecipazione del contingente militare italiano alla missione  delle
Nazioni Unite in Libano, denominata United Nations Interim  Force  in
Lebanon (UNIFIL), compreso l'impiego di unita'  navali  nella  UNIFIL
Maritime  Task  Force,  di  cui  all'articolo   1,   comma   2,   del
decreto-legge   29   dicembre   2011,   n.   215,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  3. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro  52.496.423  per  la  proroga  della
partecipazione di personale militare alle missioni  nei  Balcani,  di
cui all'articolo 1, comma 3, del decreto-legge 29 dicembre  2011,  n.
215, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012,  n.
13, di seguito elencate: 
  a) Multinational Specialized Unit (MSU), European Union Rule of Law
Mission in Kosovo (EULEX Kosovo), Security  Force  Training  Plan  in
Kosovo; 
  b) Joint Enterprise. 
  4. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  223.505  per  la  proroga  della
partecipazione  di  personale  militare  alla  missione   dell'Unione
europea in Bosnia-Erzegovina, denominata ALTHEA, nel cui ambito opera
la  missione  denominata  Integrated  Police  Unit  (IPU),   di   cui
all'articolo 1, comma 4, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n.  215,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  5. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro  14.191.716  per  la  proroga  della
partecipazione di personale militare alla missione  nel  Mediterraneo
denominata Active Endeavour, di cui  all'articolo  1,  comma  5,  del
decreto-legge   29   dicembre   2011,   n.   215,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  6. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  848.666  per  la  proroga  della
partecipazione  di  personale  militare  alla   missione   denominata
Temporary  International  Presence  in   Hebron   (TIPH2),   di   cui
all'articolo 1, comma 6, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n.  215,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  7. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013,  la  spesa  di  euro  90.655  per  la  proroga  della
partecipazione  di  personale  militare  alla  missione   dell'Unione
europea  di  assistenza  alle  frontiere  per  il  valico  di  Rafah,
denominata European Union Border Assistance Mission in  Rafah  (EUBAM
Rafah), di cui all'articolo 1, comma 7, del decreto-legge 29 dicembre
2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge 24  febbraio
2012, n. 13. 
  8. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  194.206  per  la  proroga  della
partecipazione di personale  militare  alla  missione  delle  Nazioni
Unite  e   dell'Unione   Africana   in   Sudan,   denominata   United
Nations/African Union Mission in Darfur (UNAMID), di cui all'articolo
1, comma 8, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n.  215,  convertito,
con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  9. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013  e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  198.698  per  la  proroga  della
partecipazione di personale  militare  alla  missione  delle  Nazioni
Unite  denominata  United  Nations  Peacekeeping  Force   in   Cyprus
(UNFICYP), di cui all'articolo  1,  comma  9,  del  decreto-legge  29
dicembre 2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge  24
febbraio 2012, n. 13. 
  10. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 179.319 per  la  prosecuzione  delle
attivita'  di  assistenza  alle  Forze  armate   albanesi,   di   cui
all'articolo 1, comma 10, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 215,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  11. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro  33.952.376  per  la  proroga  della
partecipazione  di   personale   militare   all'operazione   militare
dell'Unione europea denominata Atalanta e all'operazione  della  NATO
denominata Ocean Shield per il  contrasto  della  pirateria,  di  cui
all'articolo 1, comma 11, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 215,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  12. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre  2013,  la  spesa  di  euro  15.418.251  per   la   proroga
dell'impiego di personale militare  negli  Emirati  Arabi  Uniti,  in
Bahrain, in Qatar e a Tampa per esigenze connesse con le missioni  in
Afghanistan, di cui all'articolo 1, comma 12,  del  decreto-legge  29
dicembre 2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge  24
febbraio 2012, n. 13. 
  13. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di  euro  6.928.064  per  la  proroga  della
partecipazione  di  personale  militare  alle  missioni   dell'Unione
europea  denominate  EUTM  Somalia  e  EUCAP  Nestor,  nonche'   alle
ulteriori iniziative dell'Unione europea  per  la  Regional  maritime
capacity  building  nel  Corno   d'Africa   e   nell'Oceano   indiano
occidentale, di cui all'articolo 1, comma 13,  del  decreto-legge  29
dicembre 2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge  24
febbraio 2012, n. 13. 
  14. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre  2013,  la  spesa  di  euro  7.584.517   per   la   proroga
dell'impiego  di  personale  militare  in  attivita'  di  assistenza,
supporto e formazione in Libia, di cui all'articolo 1, comma 16,  del
decreto-legge   29   dicembre   2011,   n.   215,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  15. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  285.282  per  la  proroga  della
partecipazione di  personale  militare  alla  missione  di  vigilanza
dell'Unione europea in  Georgia,  denominata  EUMM  Georgia,  di  cui
all'articolo 1, comma 16-ter, del decreto-legge 29 dicembre 2011,  n.
215, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012,  n.
13. 
  16. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  128.026  per  la  proroga  della
partecipazione di personale  militare  alla  missione  delle  Nazioni
Unite nella Repubblica  del  Sud  Sudan,  denominata  United  Nations
Mission in South Sudan (UNMISS), di cui all'articolo 1, comma 17, del
decreto-legge   29   dicembre   2011,   n.   215,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  17. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 1.900.524 per la  partecipazione  di
personale militare alla missione dell'Unione europea denominata EUCAP
Sahel Niger, di cui alla decisione 2012/392/PESC del Consiglio del 16
luglio 2012, e alle iniziative dell'Unione europea per il Mali. 
  18. E' autorizzata, per l'anno 2013, la spesa di  euro  143.749.492
per la stipulazione dei contratti di assicurazione e di trasporto  di
durata annuale e per la  realizzazione  di  infrastrutture,  relativi
alle missioni internazionali di cui al presente decreto. 
  19. Al fine di sopperire  a  esigenze  di  prima  necessita'  della
popolazione locale, compreso il ripristino dei servizi essenziali, e'
autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e fino al  30  settembre
2013, la spesa complessiva di euro 6.559.400 per interventi urgenti o
acquisti e lavori da eseguire  in  economia,  anche  in  deroga  alle
disposizioni di contabilita' generale dello Stato, disposti nei  casi
di necessita' e urgenza dai comandanti dei contingenti  militari  che
partecipano alle missioni internazionali di cui al presente  decreto,
entro il limite di euro 5.635.000 in  Afghanistan,  euro  800.000  in
Libano, euro 104.400 nei Balcani ed euro 20.000 nel Corno d'Africa. 
  20. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 4.330.771 per  la  prosecuzione  dei
programmi di cooperazione delle Forze di polizia italiane in  Albania
e nei Paesi dell'area balcanica, di cui all'articolo 1, comma 19, del
decreto-legge   29   dicembre   2011,   n.   215,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  21. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di  euro  1.225.680  per  la  proroga  della
partecipazione di personale della  Polizia  di  Stato  alla  missione
denominata European Union  Rule  of  Law  Mission  in  Kosovo  (EULEX
Kosovo) e di euro 46.810  per  la  proroga  della  partecipazione  di
personale della Polizia di  Stato  alla  missione  denominata  United
Nations Mission in Kosovo (UNMIK), di cui all'articolo 1,  comma  20,
del  decreto-legge  29  dicembre  2011,  n.  215,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  22. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013,  la  spesa  di  euro  96.150  per  la  proroga  della
partecipazione di personale della Polizia di Stato alla  missione  in
Palestina,  denominata  European  Union  Police   Mission   for   the
Palestinian Territories (EUPOL COPPS), di cui all'articolo  1,  comma
21, del decreto-legge 29  dicembre  2011,  n.  215,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 13. 
  23. E' autorizzata, a decorrere dal 1º gennaio 2013 e  fino  al  30
giugno  2013,  la  spesa  di  euro  850.767  per  la  proroga   della
partecipazione di personale del Corpo della guardia di  finanza  alla
missione in Afghanistan, denominata International Security Assistance
Force (ISAF), di cui all'articolo 1, comma 23, del  decreto-legge  29
dicembre 2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge  24
febbraio 2012, n. 13. 
  24. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la  spesa  di  euro  264.252  per  la  proroga  della
partecipazione di personale del Corpo della guardia di  finanza  alla
missione denominata European Union Rule  of  Law  Mission  in  Kosovo
(EULEX Kosovo), di cui all'articolo 1, comma 24, del decreto-legge 29
dicembre 2011, n. 215, convertito, con modificazioni, dalla legge  24
febbraio 2012, n. 13. 
  25. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
giugno 2013, la spesa di euro  4.613.612  per  la  partecipazione  di
personale del Corpo della guardia di finanza alla missione  in  Libia
per procedere  al  ripristino  dell'efficienza  delle  unita'  navali
cedute dal Governo italiano  al  Governo  libico,  per  garantire  la
manutenzione  ordinaria  delle  medesime  unita'  navali  e  per   lo
svolgimento di attivita' addestrativa  del  personale  della  Guardia
costiera libica, in esecuzione degli accordi di cooperazione  tra  il
Governo italiano e il Governo libico  per  fronteggiare  il  fenomeno
dell'immigrazione clandestina e della tratta degli esseri umani. 
  26. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  31
marzo 2013, la spesa di euro  20.348  per  la  partecipazione  di  un
magistrato alla missione integrata dell'Unione europea sullo stato di
diritto per l'Iraq, denominata EUJUST LEX-Iraq, di cui alla decisione
2012/372/PESC del Consiglio del 10 luglio 2012. 
  27. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 10.000.000 per il  mantenimento  del
dispositivo  info-operativo  dell'Agenzia  informazioni  e  sicurezza
esterna  (AISE)  a  protezione  del  personale  delle  Forze   armate
impiegato nelle missioni internazionali, in attuazione delle missioni
affidate all'AISE dall'articolo 6, comma  2,  della  legge  3  agosto
2007, n. 124. 
  28. E' autorizzata, a decorrere dal 1° gennaio 2013 e  fino  al  30
settembre 2013, la spesa di euro 812.668 per l'impiego  di  personale
appartenente al Corpo militare volontario e al Corpo delle infermiere
volontarie della Croce Rossa Italiana per  le  esigenze  di  supporto
sanitario  delle  missioni  internazionali  in  Afghanistan  e  negli
Emirati Arabi Uniti. 
  29. Il Ministero della difesa e' autorizzato, per  l'anno  2013,  a
cedere, a titolo gratuito,  alle  Forze  armate  libiche  effetti  di
vestiario e materiali di igiene. 
  30. Il Ministero della difesa e' autorizzato, per  l'anno  2013,  a
cedere, a titolo gratuito, alle  Forze  armate  della  Repubblica  di
Gibuti n. 3 veicoli blindati leggeri, n. 10 semoventi M109 L, nonche'
effetti di vestiario. Per la finalita' di cui al  presente  comma  e'
autorizzata, per l'anno 2013, la spesa di euro 1.100.000. 
  31. Il Ministero della difesa e' autorizzato, per  l'anno  2013,  a
cedere, a titolo gratuito, alla Repubblica islamica del  Pakistan  n.
500 veicoli M113. 
  32. Il Governo italiano e' autorizzato, per l'anno 2013, a  cedere,
a  titolo  gratuito,  al  Governo  dello  Stato  d'Eritrea  materiale
ferroviario dichiarato fuori servizio.