DECRETO-LEGGE 22 giugno 2012, n. 83

Misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0109)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 26/06/2012.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 134 (in SO n. 171, relativo alla G.U. 11/08/2012, n. 187).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/05/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 4-8-2013
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 11 
 
Detrazioni per interventi di ristrutturazione  e  di  efficientamento
                             energetico 
 
  1. Per le spese documentate, sostenute dalla  data  di  entrata  in
vigore del presente decreto e fino al ((31 dicembre 2013)),  relative
agli interventi di cui all'articolo 16-bis, comma 1 del  decreto  del
Presidente della Repubblica 22 dicembre  1986,  n.  917,  spetta  una
detrazione dall'imposta lorda pari  al  50  per  cento,  fino  ad  un
ammontare complessivo delle stesse non superiore a  96.000  euro  per
unita' immobiliare. Restano ferme le ulteriori disposizioni contenute
nel citato articolo 16-bis. (2) ((7)) 
  2. All'articolo 1, comma 48, della legge 13 dicembre 2010, n.  220,
e successive modificazioni, le parole: "entro il  31  dicembre  2012"
sono sostituite dalle seguenti: "entro il 30 giugno 2013". 
  2-bis. All'onere derivante dall'attuazione del comma 2, pari a  1,7
milioni di euro per l'anno 2013, a 18 milioni di euro per l'anno 2014
e a 11,3 milioni di  euro  annui  a  decorrere  dall'anno  2015  fino
all'anno  2023,  si  provvede   mediante   corrispondente   riduzione
dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 52, comma 18,  della
legge 28 dicembre 2001, n. 448. 
  3. All'articolo 4, comma 4, del decreto-legge 6 dicembre  2011,  n.
201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,  n.
214, l'ultimo periodo  e'  soppresso;  la  presente  disposizione  si
applica a decorrere dal 1° gennaio 2012. 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (2) 
  Il D.L. 10 ottobre 2012, n. 174, convertito con modificazioni dalla
L. 7 dicembre 2012, n. 213, ha disposto (con l'art. 11, comma 13-ter)
che "Al fine di garantire la corretta applicazione delle agevolazioni
di cui all'articolo 16-bis, comma  1,  del  testo  unico  di  cui  al
decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.917, e di
cui all'articolo 11, comma 1, del decreto-legge 22  giugno  2012,  n.
83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134,
le citate norme si interpretano nel senso che esse  sono  applicabili
anche ai soggetti danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio
2012, beneficiari del contributo di cui all'articolo 1, comma 3,  del
decreto del Presidente del Consiglio  dei  ministri  4  luglio  2012,
pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  n.  156  del  6  luglio  2012,
relativamente alla quota delle spese di ricostruzione  sostenuta  dai
medesimi". 
------------- 
AGGIORNAMENTO (7) 
  Il D.L. 4 giugno 2013, n. 63, convertito con modificazioni dalla L.
3 agosto 2013, n. 90, ha disposto (con l'art. 16, comma  2)  che  "Ai
contribuenti che fruiscono della detrazione di  cui  al  comma  1  e'
altresi' riconosciuta  una  detrazione  dall'imposta  lorda,  fino  a
concorrenza del suo ammontare, nella misura del 50  per  cento  delle
ulteriori spese documentate e sostenute  dalla  data  di  entrata  in
vigore del presente decreto per l'acquisto  di  mobili  e  di  grandi
elettrodomestici di classe non inferiore alla A+,  nonche'  A  per  i
forni, per le apparecchiature per le quali sia  prevista  l'etichetta
energetica,   finalizzati   all'arredo   dell'immobile   oggetto   di
ristrutturazione.  La  detrazione  di  cui  al  presente  comma,   da
ripartire tra gli aventi diritto  in  dieci  quote  annuali  di  pari
importo, e' calcolata su un ammontare  complessivo  non  superiore  a
10.000 euro".