DECRETO-LEGGE 18 settembre 2009, n. 131

Ulteriore rinvio delle consultazioni elettorali amministrative nella provincia di L'Aquila ((e anticipazione di termini del procedimento elettorale per lo svolgimento delle elezioni amministrative del 2010)). (09G0140)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 21/9/2009.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 20 novembre 2009, n. 165 (in G.U. 20/11/2009, n. 271).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/11/2009)
Testo in vigore dal: 21-11-2009
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
  Visto  l'articolo  6, comma 3, del decreto-legge 28 aprile 2009, n.
39, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2009, n. 77,
che  ha  disposto  il  rinvio  delle  elezioni  del  presidente della
provincia,  del  consiglio  provinciale,  dei  sindaci e dei consigli
comunali  nella  provincia  di  L'Aquila  a seguito degli eccezionali
eventi sismici verificatisi nella regione Abruzzo;
  Considerato  che  permane la straordinaria necessita' ed urgenza di
rinviare   ulteriormente   tutte  le  elezioni  amministrative  nella
provincia di L'Aquila;
  Ritenuto,  conseguentemente,  di  dover  prorogare il mandato degli
organi  elettivi  attualmente  in carica, fino allo svolgimento delle
elezioni;
  Vista  la  deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 18 settembre 2009;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio dei Ministri e del
Ministro  dell'interno,  di  concerto con il Ministro dell'economia e
delle finanze;

                              E m a n a

                     il seguente decreto-legge:


                               Art. 1.

  (( Ulteriore rinvio delle consultazioni elettorali amministrative
                   nella provincia di L'Aquila ))



  1.  Nella  provincia  di L'Aquila, le elezioni del presidente della
provincia,  del  consiglio  provinciale,  dei  sindaci e dei consigli
comunali,  da tenersi nell'autunno del 2009 ai sensi dell'articolo 6,
comma  3,  del  decreto-legge  28 aprile 2009, n. 39, convertito, con
modificazioni,  dalla  legge  24 giugno 2009, n. 77, sono rinviate al
turno  annuale  ordinario  di  elezioni  amministrative  del 2010. Il
mandato  dei relativi organi e' prorogato fino allo svolgimento delle
elezioni di cui al periodo precedente.