DECRETO-LEGGE 17 giugno 1996, n. 321

Disposizioni urgenti per le attivita' produttive.

note: Entrata in vigore del decreto: 17-6-1996.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 8 agosto 1996, n. 421 (in G.U. 14/08/1996, n.190).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 04/07/2006)
Testo in vigore dal: 17-6-1996
                               Art. 6.
    Procedura liquidatoria dell'Ente nazionale cellulosa e carta
  1.  Per  consentire  l'accelerazione  delle  procedure liquidatorie
dell'Ente  nazionale per la cellulosa e per la carta e delle societa'
controllate  di  cui all'articolo 2 del decreto-legge 21 giugno 1995,
n.  240, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 1995, n.
337,  e'  autorizzato  il  conferimento  alla  gestione  liquidatoria
dell'importo  di lire 120 miliardi per l'anno 1995, comprensive delle
spese  per  consentire  la  gestione delle aziende e dell'Istituto di
sperimentazione  per  la  pioppicoltura  trasferiti  in  comodato  al
Ministero  delle  risorse  agricole,  alimentari e forestali a carico
dello   stanziamento   iscritto  al  capitolo  9001  dello  stato  di
previsione  del  Ministero  del  tesoro per l'anno medesimo, all'uopo
parzialmente  utilizzando  la  voce  Ministero  del  tesoro.  Per  le
medesime  finalita',  la  Cassa  depositi e prestiti e' autorizzata a
concedere,   alle   condizioni   piu'   favorevoli   previste   dalla
legislazione   vigente,   mutui   decennali,  nell'ammontare  massimo
correlato ad una rata annua di ammortamento per capitale ed interessi
pari  a  lire  40  miliardi, ivi compresa la quota gia' contratta dei
mutui  previsti dall'articolo 3, comma 8, del decreto-legge 27 agosto
1994,  n.  513, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 ottobre
1994,  n.  595,  che  decade  per  la  restante  parte. A tal fine e'
autorizzato  il  limite  di impegno decennale di lire 40 miliardi per
l'anno  1997, cui si fa fronte mediante utilizzo delle proiezioni per
gli  anni  1997 e successivi dello stanziamento iscritto, ai fini del
bilancio  triennale  1996-1998,  al  capitolo  9001  dello  stato  di
previsione  del  Ministero  del  tesoro  per  l'anno  1996,  all'uopo
parzialmente  utilizzando  l'accantonamento relativo al Ministero del
tesoro.
  2.  All'articolo  1,  comma 3, del decreto-legge 21 giugno 1995, n.
240, convertito, con modificazioni, dalla legge
3  agosto  1995,  n. 337, le parole: "30 giugno 1996" sono sostituite
dalle  seguenti:  "31  dicembre 1998". Fino a tale data e' istituito,
con   decreto   del   Ministro   dell'industria,   del   commercio  e
dell'artigianato, di concerto con il Ministro del tesoro, un comitato
di  sorveglianza  sulla  liquidazione  dell'ENCC, composto di quattro
funzionari  in  rappresentanza,  rispettivamente,  dei  Ministeri del
tesoro,  con  funzioni di presidente, dell'industria, del commercio e
dell'artigianato,  delle  risorse  agricole, alimentari e forestali e
dell'ambiente,  i  cui  oneri  per  funzionamento e per compensi sono
posti a carico della liquidazione.