DECRETO-LEGGE 15 maggio 1993, n. 144

Embargo nei confronti degli Stati della ex Jugoslavia.

note: Entrata in vigore del decreto: 18-5-93.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 16 luglio 1993, n. 230 (in G.U. 17/07/1993, n.166).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/06/1994)
Testo in vigore dal: 19-5-1993
aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; 
  Vista la risoluzione  n.  820  del  Consiglio  di  sicurezza  delle
Nazioni Unite in data 8 aprile 1993, che, in quanto adottata ai sensi
del  capitolo  VII  della  Carta  delle  Nazioni  Unite,   ha   forza
obbligatoria per gli Stati membri; 
(( Visti il regolamento CEE n. 990/93, nonche' la  decisione  n.  235
dei rappresentanti dei  Governi  degli  Stati  membri  della  CECA,))
riuniti in sede di Consiglio in data 26 aprile 1993; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di dare  esecuzione
da parte italiana ai predetti atti; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,  adottata  nella
riunione del 13 maggio 1993; 
  Sulla proposta del Presidente del  Consiglio  dei  Ministri  e  del
Ministro  degli  affari  esteri,   di   concerto   con   i   Ministri
dell'interno, di grazia e giustizia, delle finanze, del tesoro, della
difesa, della marina mercantile e del commercio con l'estero; 
                              E M A N A 
                     il seguente decreto-legge: 
                               Art. 1. 
  1. Piena e intera esecuzione e' data  alla  decisione  n.  235  dei
rappresentanti dei Governi degli Stati membri della CECA  riuniti  in
sede di Consiglio in data 26 aprile 1993.