DECRETO-LEGGE 3 maggio 1991, n. 143

Provvedimenti urgenti per limitare l'uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l'utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio.

note: Entrata in vigore del decreto: 9/5/1991.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 05 luglio 1991, n. 197 (in G.U. 06/07/1991, n.157).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/12/2007)
Testo in vigore dal: 30-4-2008
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di  assoggettare  i
trasferimenti di denaro contante ad obblighi di  registrazione  e  di
identificazione per  prevenire  il  riciclaggio  dei  proventi  delle
attivita'  criminose,  nonche'  di  prevedere  una  disciplina  volta
all'ordinamento delle attivita' finanziarie e di introdurre  sanzioni
per l'illecito uso di carte di credito; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,  adottata  nella
riunione del 3 maggio 1991; 
  Sulla proposta del Presidente del  Consiglio  dei  Ministri  e  del
Ministro del tesoro, di concerto  con  i  Ministri  dell'interno,  di
grazia e giustizia, delle finanze, dell'industria,  del  commercio  e
dell'artigianato e delle poste e delle telecomunicazioni; 
                              E M A N A 
                     il seguente decreto-legge: 
                               Art. 1. 
     (( ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 21 NOVEMBRE 2007, N.231 ))