DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 settembre 1988, n. 447

Approvazione del codice di procedura penale.

note: Entrata in vigore del decreto: 24/10/1989 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/11/2021)
vigente al 24/01/2022
Testo in vigore dal: 24-4-2005
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 157. 
            Prima notificazione all'imputato non detenuto 
  1. Salvo quanto  previsto  dagli  articoli  161  e  162,  la  prima
notificazione all'imputato non detenuto e' eseguita mediante consegna
di copia alla persona. Se non e' possibile  consegnare  personalmente
la copia, la notificazione e' eseguita nella casa di abitazione o nel
luogo in cui l'imputato esercita abitualmente l'attivita' lavorativa,
mediante consegna a una persona che conviva anche temporaneamente  o,
in mancanza, al portiere o a chi ne fa le veci. 
  2. Qualora i luoghi indicati nel comma 1 non siano  conosciuti,  la
notificazione e' eseguita nel luogo  dove  l'imputato  ha  temporanea
dimora o recapito, mediante consegna a una delle predette persone. 
  3. Il  portiere  o  chi  ne  fa  le  veci  sottoscrive  l'originale
dell'atto  notificato  e  l'ufficiale  giudiziario  da'  notizia   al
destinatario dell'avvenuta notificazione dell'atto a mezzo di lettera
raccomandata  con  avviso   di   ricevimento.   Gli   effetti   della
notificazione decorrono dal ricevimento della raccomandata. 
  4. La copia non puo' essere consegnata a persona minore degli  anni
quattordici o in stato di manifesta incapacita'  di  intendere  o  di
volere. 
  5.  L'autorita'   giudiziaria   dispone   la   rinnovazione   della
notificazione quando la copia e' stata consegnata alla persona offesa
dal reato e risulta o appare probabile che l'imputato non abbia avuto
effettiva conoscenza dell'atto notificato. 
  6. La consegna alla persona convivente, al portiere o a chi  ne  fa
le veci e' effettuata in plico chiuso e la relazione di notificazione
e' effettuata nei modi previsti dall'articolo 148, comma 3. 
  7. Se le persone indicate nel comma 1 mancano o non sono  idonee  o
si rifiutano di ricevere la copia, si procede nuovamente alla ricerca
dell'imputato, tornando nei luoghi indicati nei commi 1 e 2. 
  8. Se neppure in tal modo e' possibile eseguire  la  notificazione,
l'atto e'  depositato  nella  casa  del  comune  dove  l'imputato  ha
l'abitazione, o, in mancanza di questa, del comune dove egli esercita
abitualmente la sua attivita' lavorativa. Avviso del deposito  stesso
e' affisso alla porta della casa di abitazione  dell'imputato  ovvero
alla porta del luogo dove egli abitualmente esercita la sua attivita'
lavorativa.  L'ufficiale  giudiziario   da'   inoltre   comunicazione
all'imputato dell'avvenuto deposito a mezzo di  lettera  raccomandata
con avviso di ricevimento. Gli effetti della notificazione  decorrono
dal ricevimento della raccomandata. 
  (( 8-bis. Le notificazioni successive sono  eseguite,  in  caso  di
nomina di difensore di fiducia ai sensi  dell'articolo  96,  mediante
consegna ai difensori. Il difensore  puo'  dichiarare  immediatamente
all'autorita' che procede di non accettare la notificazione.  Per  le
modalita' della notificazione  si  applicano  anche  le  disposizioni
previste dall'articolo 148, comma 2-bis )).