DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 marzo 1978, n. 101

Norme per la realizzazione di infrastrutture ed impianti diretti al potenziamento della attivita' economica nei territori di confine nell'ambito della regione Friuli-Venezia Giulia.

  • Articoli
  • 1
  • 2
Testo in vigore dal: 28-4-1978
attiva riferimenti normativi
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87 della Costituzione;
  Vista  la  legge  14  marzo  1977,  n.  73, concernente ratifica ed
esecuzione  del  trattato  tra la Repubblica italiana e la Repubblica
socialista   federativa   di   Jugoslavia,   con   allegati,  nonche'
dell'accordo  tra  le  stesse Parti, con allegati, dell'atto finale e
dello scambio di note, firmati ad Osimo (Ancona) il 10 novembre 1975;
  Ritenuto  che,  ai sensi e per gli effetti dell'art. 4 della citata
legge,  il  Governo e' autorizzato all'emanazione di norme necessarie
per  realizzare  infrastrutture  e  impianti diretti al potenziamento
dell'attivita'  economica  dei  territori  di  confine  della regione
Friuli-Venezia Giulia;
  Consultata    la    giunta   regionale   della   regione   autonoma
Friuli-Venezia Giulia;
  Sentita  la  commissione  parlamentare  prevista  dall'art. 3 della
legge di ratifica;
  Sentito il Consiglio dei Ministri;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri, di
concerto  con  i  Ministri  degli affari esteri, del bilancio e della
programmazione   economica,   del   tesoro,  dei  lavori  pubblici  e
dell'industria, del commercio e dell'artigianato;

                              Decreta:
                               Art. 1.

  Al  fine  di  realizzare  infrastrutture  e  impianti  necessari al
potenziamento  dell'attivita'  economica  nei  territori  di  confine
nell'ambito  della  regione  Friuli-Venezia Giulia, e' assegnato alla
regione   stessa  un  contributo  speciale  di  lire  10.000  milioni
nell'anno 1978, di lire 15.000 milioni nell'anno 1979, di lire 20.000
milioni  nell'anno  1980, e di lire 16.000 milioni nell'anno 1981 per
provvedere  direttamente  o  anche  a  mezzo degli enti locali previa
stipula di apposite convenzioni:
    alla  costruzione a Gorizia della strada di circonvallazione e di
collegamento  del  nodo  di  smistamento  rappresentato  dal ponte IX
Agosto  con  il  valico  di  Salcano  e il complesso confinario di S.
Andrea la cui spesa e' valutata in lire 5.000 milioni;
    al  completamento  del  raccordo autostradale tra il punto franco
nuovo  del  porto di Trieste, la zona industriale e la strada statale
n.  202  in  localita'  Padriciano,  la cui spesa e' valutata in lire
56.000 milioni.