DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 1972, n. 633

Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 24/07/2021)
Testo in vigore dal: 12-8-1997
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 55.
                       Accertamento induttivo

  Se  il  contribuente  non  ha  presentato  la dichiarazione annuale
l'ufficio  dell'imposta  sul  valore  aggiunto puo' procedere in ogni
caso  all'accertamento  dell'imposta  dovuta  indipendentemente dalla
previa   ispezione   della  contabilita'.  In  tal  caso  l'ammontare
imponibile  complessivo  e  l'aliquota  applicabile  sono determinati
induttivamente  sulla base dei dati e delle notizie comunque raccolte
o  venuti  a  conoscenza  dell'ufficio e sono computati in detrazione
soltanto  i  versamenti  eventualmente eseguiti dal contribuente e le
imposte   detraibili   ai   sensi   dell'art.   19  risultanti  dalle
liquidazioni prescritte dagli articoli 27 e 33.
  Le  disposizioni  del  precedente  comma  si  applicano anche se la
dichiarazione  ((...))  reca  le indicazioni di cui ai numeri 1) e 3)
dell'art.  28  senza  le  distinzioni e specificazioni ivi richieste,
sempreche'  le indicazioni stesse non siano state regolarizzate entro
il  mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione. Le
disposizioni   stesse  si  applicano,  in  deroga  alle  disposizioni
dell'art. 54, anche nelle seguenti ipotesi:
    1)  quando risulta, attraverso il verbale di ispezione redatto ai
sensi  dell'art.  52, che il contribuente non ha tenuto, ha rifiutato
di  esibire o ha comunque sottratto all'ispezione i registri previsti
dal  presente  decreto  le  altre  scritture contabili obbligatorie a
norma  del primo comma dell'art. 2214 del codice civile e delle leggi
in  materia  di  imposte  sui redditi, o anche soltanto alcuni ditali
registri e scritture;
    2)  quando  dal  verbale di ispezione risulta che il contribuente
non  ha  emesso  le  fatture per una parte rilevante delle operazioni
ovvero  non  ha  conservato  ha  rifiuta  tu di esibire o ha comunque
sottratto  all'ispezione,  totalmente  o  per una parte rilevante, le
fatture emesse;
    3)  quando  le  omissioni  e  le  false  o inesatte indicazioni o
annotazioni  accertate ai sensi dell'art. 54, ovvero le irregolarita'
formali dei registri e delle altre scritture contabili risultanti dal
verbale  di  ispezione,  sono  cosi'  gravi,  numerose  e ripetute da
rendere inattendibile la contabilita' del contribuente.
  Se  vi  e'  pericolo per la riscossione dell'imposta l'ufficio puo'
procedere  all'accertamento induttivo, per la frazione di anno solare
gia'  decorsa,  senza attendere la scadenza del termine stabilito per
la   dichiarazione   annuale  e  con  riferimento  alle  liquidazioni
prescritte dagli articoli 27 e 33. (20)
-----------------
AGGIORNAMENTO (20)
  Il  D.P.R. 29 gennaio 1979, n. 24 ha disposto (con l'art. 3) che le
modifiche al presente articolo hanno effetto dal 1 aprile 1979.