stai visualizzando l'atto

REGIO DECRETO 30 agosto 1903, n. CCCCXLV (445)

Che approva lo statuto del consorzio per l'impianto di una tramvia elettrica da Torino a Brusasco per Gassino. (0300445R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 11/12/1903
nascondi
vigente al 24/04/2024
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal:  11-12-1903

Art. 1


VITTORIO EMANUELE III

PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE

RE D'ITALIA

Viste le deliberazioni dei comuni di Torino, San Mauro, Gassino, Cavagnolo e Brusasco, i quali convennero nella proposta di concedere il suolo stradale per l'esercizio di una tramvia a trazione elettrica da Torino a Brusasco, per Gassino, in sostituzione dell'attuale a vapore, e determinarono, a norma dell'art. 7 e seguenti della legge 29 giugno 1873, n. 1475, di riunirsi in consorzio, con partecipazione dello Stato;

Visto lo schema dello Statuto consortile approvato dall'assemblea generale dei rappresentanti nella tornata del 16 maggio 1903;

Vista la legge 29 giugno 1873, n. 1475;

Visto l'art. 38 dalla legge 27 dicembre 1896, n. 564;

Visto l'art. 2 del regolamento approvato col regio decreto 17 giugno 1900, n. 306.

Avuto il parere favorevole del consiglio di Stato;

Sulla proposta dei Nostri ministri segretari di Stato per i lavori pubblici e per l'interno;

Abbiamo decretato e decretiamo:

Articolo unico.

È approvato lo statuto, deliberato nella tornata del 16 maggio 1903, del consorzio formatosi fra lo Stato e i comuni di Torino, S.
Mauro, Gassino, Cavagnolo e Brusasco, per l'impianto di una tramvia elettrica da Torino a Brusasco per Gassino.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia, inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Treviso, addì 30 agosto 1903.

VITTORIO EMANUELE

Registrato alla Corte dei conti addì 20 novembre 1903.

Reg. 13. Atti del Governo a f. 122. G. Di Lorenzo.

Luogo del Sigillo. V. A Guardasigilli F. COCCO-ORTU.

G. Zanardelli.
N. Balenzano.