REGIO DECRETO 22 dicembre 1889, n. MMMDCXXVIII (3628)

Che erige in corpo morale il pio legato Vincenzo Zanetti in Murano (Venezia) e ne approva lo statuto. (8903628R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 31/01/1890
vigente al 17/01/2022
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 31-1-1890
attiva riferimenti normativi
 
                              UMBERTO I 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Veduto il testamento 15 maggio 1872, modificato  con  codicillo  1°
febbraio 1883, con cui il  fu  sacerdote  cav.  Vincenzo  Zanetti  da
Murano, provincia di Venezia, disponeva che di tutto il suo capitale,
che risulto' di lire 8,024.71, fosse costituito un  patrimonio  sacro
dell'ammontare di lire 310 annue da assegnarsi ad un sacerdote povero
addetto alla chiesa di S. Pietro Martire di Murano,  e  prima  d'ogni
altro al proprio nipote Vittorino  Fuga,  quando  si  dedicasse  alla
carriera  ecclesiastica,  disponendo  altresi'  che  del  frutto  del
capitale esuberante alle esigenze del sacro patrimonio fosse fatta  a
mezzo della congregazione di carita' un'annua beneficenza, preferendo
i suoi parenti piu' poveri e vicini; 
 
  Vedute le deliberazioni 30 ottobre 1888 e 29 maggio  1889,  con  le
quali il consiglio comunale di Murano chiele l'erezione del legato in
ente morale da amministrarsi dalla fabbriceria  della  chiesa  di  S.
Pietro Martire, nonche'  l'approvazione  del  corrispondente  statuto
organico; 
 
  Veduta la deliberazione 17 agosto  1889  della  giunta  provinciale
amministrativa di Venezia; 
 
  Veduta la legge  3  agosto  1862  ed  il  relativo  regolamento  27
novembre stesso anno sulle opere pie; 
 
  Udito il consiglio di Stato; 
 
  Sulla proposta del Nostro ministro  segretario  di  Stato  per  gli
affari dell'interno, presidente del consiglio dei ministri; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Il pio legato Vincenzo Zanetti in Murano e' eretto in corpo  morale
ed e' approvato il relativo statuto organico in data 29 maggio  1889,
composto di numero quattordici  articoli,  il  quale  sara'  visto  e
sottoscritto, d'ordine Nostro, dal ministro proponente. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 22 dicembre 1889. 
 
                              UMBERTO. 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 6 gennaio 1890. 
  Reg. 172. Atti del Governo a f. 28. Mandillo. 
  Luogo del Sigillo V. Il Guardasigilli G. ZANARDELLI. 
 
                                                           F. CRISPI.